Cerca

cronaca

Rifiuti: Crocetta, querelerò Orlando per diffamazione

30 Dicembre 2014

0

Palermo, 30 dic. (AdnKronos) - "Sono stanco di questo protagonismo negativo del sindaco di Palermo, Orlando che non fa nulla per la sua città e pensa solo ad alimentare polemiche. Questa volta ha esagerato. Lo querelerò per diffamazione". Arriva a stretto giro di posta la replica del Governatore siciliano Rosario Crocetta al sindaco di Palermo Leoluca Orlando che ha attaccato, nel corso di una conferenza stampa, la Regione per il provvedimento che vieta di conferire ad alcuni comuni per sette giorni i rifiuti. "Le affermazioni Orlando oltre a mostrare ingratitudine per il fatto la regione ha risolto i problemi dei rifiuti del Comune di Palermo, sono anche diffamatorie perché non rispondono a verità. La discarica di Bellolampo è attiva solo perché la Regione ha lavorato in questi ultimi mesi. Se fosse dipeso dal sindaco di Palermo a quest'ora Palermo sarebbe sommersa dai rifiuti". "Abbiamo consentito ad altri comuni, oltre a Palermo, di potere conferire nella discarica - dice ancora Crocetta - Si potrebbe arrivare anche a 1.350 tonnellate di rifiuti". E ancora: "La bio stabilizzazione sarà pronta alla fine di marzo, in primavera e allora tutti i comuni della provincia di Palermo potranno conferire direttamente". Risponde anche alle accuse di Orlando di volere favorire la discarica di Giuseppe Catanzaro (Confindustria Sicilia) a Siculiana: "Non c'è alcun provvedimento che preveda il conferimento dei rifiuti a Siculiana, peraltro la discarica è chiusa". "Quindi le notizie di Orlando sono totalmente destituite di fondamento", aggiunge ancora. "Questa volta esistono tutti gli estremi legali per la diffamazione di Orlando", conclude.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Luca Zaia: "Basta insulti ai veneti, il mio compito è difenderli. Ora quereliamo"

Vincenzo De Luca: "Dialogo con il M5s? Non parlo più di politica politicante, solo fatti concreti"
Alessandro Morelli: "I 5s aprivano scatolette di tonno, gli altri sono figli delle sardine: un governo ittico"
Open Arms, il video propaganda dopo l'indagine contro Matteo Salvini

media