Cerca

ValledAosta

Cogne: a 11 anni da omicidio dissequestrata villa delitto/Adnkronos

23 Marzo 2013

0

Aosta, 23 mar. - (Adnkronos) - A undici anni dalla morte del piccolo Samuele Lorenzi, la villetta di Cogne, teatro del delitto, e' stata dissequestrata questa mattina alla presenza del padre di Samuele, Stefano Lorenzi. Una volta tolti i sigilli ed effettuati i controlli di rito, lo stabile e' stato riconsegnato a Lorenzi. Si tratta dell'ultimo atto, in ordine di tempo, che porta il delitto di Cogne ancora una volta sotto i riflettori.

Il 5 settembre scorso l'omicidio del piccolo Samuele era tornato a fare notizia per la conferma del 'no' ai domiciliari per Anna Maria Franzoni, condannata definitivamente a 16 anni per l'omicidio del figlio Sammy, deciso dal Tribunale di sorveglianza di Bologna, che ha respinto la richiesta degli arresti domiciliari avanzata dalla difesa della donna per poter assistere uno dei figli. La decisione dei giudici e' stata motivata con la decadenza della potesta' genitoriale. Gia' a luglio scorso la Cassazione aveva negato alla Franzoni il diritto ai permessi premio, per almeno altri quattro anni, data la gravita' del reato commesso e le regole fissate dall'Ordinamento penitenziario nei confronti dei detenuti pericolosi. Ecco cosa accadde undici anni fa.

Sono le 8 e 28 del 30 gennaio 2002. Al 118 di Aosta arriva la telefonata di una mamma disperata. E' Annamaria Franzoni che chiede aiuto per il suo bambino che "vomita sangue". Comicia cosi' uno dei casi di cronaca piu' discussi e controversi, che in tanti anni di dolore e di polemiche, di perizie e colpi di scena, non ha mai smesso di appassionare l'opinione pubblica. Quella fredda mattina di gennaio muore, nel letto di mamma e papa', Samuele Lorenzi, 3 anni, che con i genitori e il fratellino piu' grande Davide abitava nella villetta di Montroz, tra le montagne di Cogne. (segue)

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media