Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Incendi: Conapo, Sardegna flagellata, potenziare vigili fuoco

default_image

  • a
  • a
  • a

Roma, 26 giu. (Adnkronos/Labitalia) - "Quanto accaduto in Sardegna, con oltre 600 ettari di macchia mediterranea distrutti dal fuoco, e la dichiarata insufficienza delle forze in campo, deve far riflettere il governo sull'opportunita' di una modifica della legge quadro sugli incendi boschivi che riconosca ai vigili del fuoco un ruolo centrale e di coordinamento in tale delicato settore, oggi affidato ad altri enti e marginalmente ai vigili del fuoco solo nelle regioni che ritengono di avvalersene. Ricordiamo che i vigili del fuoco sono gli unici a poter garantire, 24 ore su 24, per 365 giorni all'anno, tempi di intervento di 30 secondi dalla chiamata". E' quanto afferma Antonio Brizzi, segretario generale del Conapo sindacato autonomo vigili del fuoco, uno dei maggiori della categoria, nel tornare a sollecitare "un'urgente norma di potenziamento dell'organico dei vigili del fuoco a costo zero, utilizzando i soldi oggi sistematicamente spesi per assumere il personale precario necessario a coprire le carenze di organico". "Non esistono in Italia -ha continuato Brizzi- altre strutture antincendi organizzate in tal senso, eppure tutti sanno che questo tipo di incendi vanno contrastati da terra sul nascere, altrimenti non resta altro che ricorrere ai mezzi aerei, ora pero' drasticamente ridotti a causa dei tagli". "Nell'immediato, e sino a cessata emergenza -aggiunge il segretario Conapo- abbiamo chiesto al nostro Dipartimento di disporre con urgenza la trasferta temporanea in Sardegna di ulteriore personale proveniente dalla terraferma, privilegiando coloro che in Sardegna hanno la residenza e conoscono i luoghi".

Dai blog