Cerca

piemonte

Torino: fonti prefettura, tempi rimpatrio lunghi per aggressore agenti con sbarra

23 Aprile 2019

0

Roma, 23 apr. (AdnKronos) - I tempi di rimpatrio saranno "piuttosto lunghi" per il 26enne senegalese che domenica scorsa, nel giorno di Pasqua, aggredì due poliziotti a Torino con uno sbarra di ferro al grido di 'Allah Akbar'. E' quanto riferiscono fonti della Prefettura torinese all'Adnkronos. La questione è questa: Ndiaye Migui, in arresto ma in attesa di processo, dovrà attendere che il giudice si pronunci sul suo caso, e solo successivamente potrà essere avviata la procedura di rimpatrio.

Ma qui la situazione si complica. L'aggressore, infatti, non è in possesso dei documenti, dunque dell'eventuale rimpatrio non potrà occuparsi il Consolato di Torino. Sarà necessario -e qui i tempi si allungano "inesorabilmente", spiegano le stesse fonti- aprire una procedura presso l'Ambasciata del Senegal di Roma, che dovrà riconoscerlo come cittadino senegalese: solo da quel momento in poi sarà possibile iniziare a lavorare sulla procedura di rimpatrio.

Ndiaye Migui, come emerso subito dopo l'aggressione, era stato già raggiunto da due decreti di intimazione a lasciare il territorio entro 15 giorni: il primo emesso dalla Prefettura di Torino il 19 gennaio 2018, il secondo emesso dal Prefetto di Cuneo appena 20 giorni dopo (l'8 febbraio).

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Giorgia Meloni svela il vero obiettivo di Conte: "Salvare le poltrone del M5s"

Giuseppe Conte entra in Senato, applausi e strette di mano con i ministri 5 stelle. Gelo con i leghisti
Giulia Bongiorno: "Lega compatta, se c'è stata una rottura coi 5 stelle è solo perché vogliamo fare bene"
Luigi Di Maio lascia la riunione dei gruppi M5s senza fare dichiarazioni. Bocche cucite tra i grillini

media