Cerca

sicilia

L'intercettazione che incastra Arata

12 Giugno 2019

0

Palermo, 12 giu. (AdnKronos) - "Quanto gli abbiamo dato a Tinnarelli? (Tinnirello ndr)". Così parlava, senza sapere di essere intercettato, Paolo Arata, il faccendiere arrestato all'alba di oggi con il figlio per corruzione e autoriciclaggio nell'ambito dell'inchiesta che coinvolge anche l'imprenditore Vito Nicastri, ritenuto vicino al boss Matteo Messina Denaro, finito in manette anche lui. Nelle intercettazioni, che sono state depositate dalla Dda al Tribunale del Riesame, Arata parla, a bassa voce, di Alberto Tinnirello, il dirigente della Regione siciliana, finito agli arresti domiciliari. Non solo. Arata parla di un altro funzionario, Giacomo Causarano, che presta servizio al Territorio e Ambiente. Non sapendo di essere ascoltato diceva di Causarano "Quello è un corrotto".

Secondo la ricostruzione dei pm, coordinati dal Procuratore aggiunto Paolo Guido, Alberto Tinnirello avrebbe incassato una tangente, che però non è stata quantificata dagli inquirenti, in cambio di informazioni sullo stato delle pratiche amministrative per la richiesta di autorizzazione integrata ambientale.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

L'arrivo di Giuseppe Conte ad Atreju, impensabile: come lo accoglie il popolo della Meloni

Taglio ai parlamentari, Giorgetti sostiene i 5 Stelle: "Lo voteremo, ma serve una riflessione sul Parlamento"
Presa attaccata a corrente alternata
Regionali in Umbria, gli iscritti del Movimento 5 stelle al voto sulla piattaforma Rousseau

media