Cerca

cronaca

Intesa Sanpaolo lancia 'Xme salute'

14 Giugno 2019

0

Milano, 13 giu. - (AdnKronos) - Intesa San Paolo ha lanciato il servizio Xme Salute, un sistema di gestione delle prenotazioni per prestazioni mediche rapido e semplice. L’iniziativa, messa a punto da Intesa Sanpaolo Smart Care, la società del gruppo che sviluppa servizi digitali nell’ambito della mobilità, della salute e della casa, in partnership con Previmedical, il principale network italiano di strutture sanitarie e medici convenzionati, conferma il costante impegno dell’istituto di credito italiano nell’ottica di offrire prodotti di protezione e servizi di qualità nel campo della salute (VIDEO).

Il servizio, che consente di usufruire di sconti importanti sulle tariffe delle prestazioni sanitarie (dal 10% al 50%), è completamente digitale, dalla sottoscrizione, all’utilizzo e al pagamento. Consente di effettuare prenotazioni, modificarle e annullarle, attraverso una piattaforma unica fruibile via app e web, con accesso 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Completa l’offerta del servizio XME Salute la centrale telefonica dedicata.

“XME Salute nasce dall’ascolto attivo dei nostri clienti. Salute e benessere sono valori essenziali per la persona e per le famiglie - evidenzia Maurizio Cortese, amministratore delegato di Intesa Sanpaolo Smart Care. È in questo contesto che la nostra banca ha deciso di investire nello sviluppo di un ecosistema di prodotti e servizi per la salute, affiancando XME Salute all’offerta assicurativa di XME Protezione. Si tratta di un servizio estremamente innovativo: la nostra app è uno strumento inedito che permette di prenotare una prestazione medica in modo molto semplice e consente ai clienti di risparmiare tempo e denaro”.

Stando ai dati, nel 2018, le famiglie italiane hanno pagato di tasca propria circa 150 milioni di prestazioni sanitarie, con una media di 3,4 prestazioni a persona, una spesa sanitaria privata di 40 miliardi di euro e con un esborso medio di 655 euro a persona. Si stima che i tempi di attesa medi per accedere a una prestazione sanitaria nel settore pubblico siano di 54,5 giorni. Sempre più persone si stanno quindi rivolgendo al settore privato, che può garantire una media di 5,7 giorni.

I clienti Intesa Sanpaolo possono provare gratuitamente XME Salute per un periodo di 3 mesi, prolungabili a 6 per gli over 65 e per chi sottoscrive il prodotto assicurativo XME Protezione. L’abbonamento al servizio si può estendere a ulteriori 3 persone, anche se non appartengono al medesimo nucleo familiare e non sono correntisti della banca. Tutto avviene in maniera semplice e rapida, dopo aver effettuato l’accesso all’app, saranno sufficienti pochi passaggi per prenotare la prestazione medica negli orari e nei giorni a disposizione e, entro 24 ore, si riceverà la conferma dell’avvenuta prenotazione. Il pagamento della prestazione avverrà poi in modo molto facile, senza esborso di contante, con possibilità di scelta tra l’addebito su conto corrente o su carta di credito.

“Abbiamo deciso di entrare nel mondo della salute da protagonisti” - prosegue Maurizio Cortese. “Siamo vicini ai nostri clienti e ai loro bisogni, sentiamo la responsabilità e vogliamo dare un aiuto completo, in un settore in grande espansione, nel quale possiamo giocare un ruolo di primaria importanza”.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Open Arms, Matteo Salvini sfida la Ong sui porti chiusi: "Se serve, vado in galera"

Open Arms, Salvini sfotte Richard Gere: "Ci dà dei razzisti, poi...". La vacanza in Italia, ciao migranti
Matteo Salvini svela le trame di Renzi e Boschi: "Il re è nudo. Quali sono i loro due soli scopi"
Open Arms, l'appello della Ong; "La situazione a bordo è insostenibile"

media