Cerca

sicilia

Mafia: depistaggi Borsellino, giallo su bobine scomparse con intercettazioni di Scarantino (4)

14 Giugno 2019

0

(AdnKronos) - Un colpo di scena arrivato a metà udienza del processo sul depistaggio sulla strage Borsellino, quando l'ex pentito di mafia Vincenzo Scarantino ha ritrattato, a sorpresa, le accuse che aveva lanciato in passato ai magistrati che indagavano sulla strage di via D'Amelio. Scarantino aveva accusato i giudici, che all'epoca prestavano servizio a Caltanissetta, di aver accusato dei mafiosi imputati perché "sollecitato" dai pm Antonino Di Matteo, Annamaria Palma e Carmelo Petralia ma anche Giovanni Tinebra. Poi, negli anni, la retromarcia. L'ennesima. "I poliziotti mi hanno fatto credere che i magistrati sapevano ogni cosa", disse in aula a fine maggio. "Io mi trovavo nel deserto dei tartari - raccontava - La Polizia mi aveva convinto che poliziotti del gruppo 'Falcone e Borsellino' e i magistrati fossero la stessa cosa ecco perché sono arrivato ad accusare i magistrati. Io ero un ragazzo rovinato dalla giustizia, non ero un collaboratore di giustizia. I magistrati mi contestavano le cose tre o quattro volte, quando non capivo niente, io uscivo e poi trovavo la risposta che dovevo dare ai magistrati. Se io ho coinvolto i magistrati è perché i poliziotti mi hanno fatto credere che fossero un'unica cosa".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Crisi di governo, parla Giovanni Tria: "I conti sono a posto. La legge di bilancio si può fare"

Gianluigi Paragone si schiera con Alessandro Di Battista: "Il Pd mostra la solita spocchia". M5s spaccato
Incendi in Amazzonia, le immagini aeree delle zone devastate. Terrificante
Giancarlo Giorgetti: "Vado all'opposizione con fierezza, non siamo minorati mentali"

media