Cerca

cronaca

Capri, negato imbarco ad ambulanza

Il sindaco ha cercato con un'ordinanza di imporre il trasferimento alle compagnie, ma è rimasto tutto bloccato. Alla fine la donna si è resa disponibile a effettuare il viaggio in nave su una sedia a rotelle, nonostante le sue condizioni

19 Giugno 2019

0
Capri, negato imbarco ad ambulanza
Il sindaco ha cercato con un'ordinanza di imporre il trasferimento alle compagnie, ma è rimasto tutto bloccato. Alla fine la donna si è resa disponibile a effettuare il viaggio in nave su una sedia a rotelle, nonostante le sue condizioni

Napoli, 19 giu. (Adnkronos) - Si è sbloccata la situazione della paziente che era bloccata nel porto di Napoli a bordo di un'ambulanza alla quale era stata negata l'autorizzazione a imbarcarsi sulla nave per tornare a Capri, dopo aver svolto una terapia in città. La donna si è resa disponibile a lasciare il mezzo e a effettuare il viaggio in nave su una sedia a rotelle, nonostante le sue condizioni. Sul posto sono intervenuti anche il sindaco di Capri, Marino Lembo, e il consigliere comunale Enrico Romano: "Siamo venuti per dare solidarietà alla signora - spiega all'Adnkronos Lembo - ma la situazione si è sbloccata per un suo atto di disponibilità. Il problema invece resta nella sua gravità e bisogna risolverlo assolutamente". Le compagnie di navigazione hanno espresso la volontà di attenersi alla normativa che vieta ai passeggeri di effettuare il viaggio in mare restando in garage, circostanza che impedisce ai pazienti allettati di viaggiare a bordo delle ambulanze. "Domani abbiamo un altro malato grave che deve venire a Napoli - conclude Lembo - bisogna risolvere questo problema altrimenti si ripresenterà".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Migranti, il premier Conte in Senato: "Accordo di Malta non risolutivo"

Tafida, la grande sfida del Gaslini: ricoverata a Genova la bimba affetta da lesione cerebrale
L'aria che tira, Luigi Di Maio travolto da Carlo Calenda: "Show ridicolo, dimissioni immediate"
Eutanasia, i radicali "cercano malati terminali" per lo spot. La rabbia di Pro Vita & Famiglia

media