Cerca

Cultura

Scrittori: addio a Fabio Della Seta, romanziere autore sonetti in romanesco

13 Marzo 2014

0

Roma, 13 mar. - (Adnkronos) - Lo scrittore e giornalista Fabio Della Seta, autore di romanzi e sonetti in romanesco, e' morto a Roma all'eta' di 89 anni. L'annuncio della scomparsa e' stato dato dalla famiglia, precisando che la cerimonia funebre si terra' domani, venerdi' 14 marzo, alle ore 11, presso il Tempietto Egizio del cimitero del Verano.

A fianco della sua carriera manageriale in Rai, Della Seta ha svolto una lunga attivita' di scrittore: e' autore di un saggio storico sulle origini dello Stato ebraico, "Antico Nuovo Israele", con prefazione di Carlo Arturo Jemolo, di vari radiodrammi, dei romanzi "Agnusdei", "Rivedere Petra", "La banda archeologica" e "Cara Sophie" e "L'ipogeo" (con Maria Sofia Casnedi). Con Giovanni Gigliozzi ha scritto "Aiuto! Ho sbagliato citta'. Cronache del Cairo Nord". Suoi articoli sono apparsi sui principali quotidiani e su riviste culturali. E' stato insignito del Premio Verga per la sua opera letteraria. Della Seta e' autore anche di "L'incendio del Tevere", storia della Scuola ebraica di Roma negli anni della persecuzione razziale durante il fascismo.

Nato a Roma il 31 luglio 1924, Fabio Della Seta si laureo' in giurisprudenza con una tesi di diritto internazionale sul tema "Aspetti giuridici della questione palestinese". Esordi' in Rai nel 1947 con un radiodramma, "Josef impara a cantare", al quale ne sono seguiti numerosi altri, oltre a curare programmi di attualita' culturale, fra cui soprattutto "Il Ridotto, teatro di oggi e di domani", in coppia prima con Raffaele La Capria e poi con William Weaver. Della Seta ha ricoperto nella stampa ebraica in Italia per circa dieci anni l'incarico di redattore capo del settimanale "Israel". Come dirigente Rai ha operato a livelli di responsabilità in vari settori, fino alla direzione degli uffici per l'America Latina. E proprio mentre si trovava per lavoro a Montevideo ha visto nascere, lungo un arco di circa dieci anni, i suoi oltre mille sonetti in romanesco, un lungo viaggio a ritroso alla ricerca di luoghi, di personaggi, di modi di dire della Roma della sua gioventu'. La sua produzione poetica dal titolo "Roma in valigia. Mille e anche piu' sonetti in urbe et in orbe" e' stata pubblicata da Antonio Stango Editore nel 2001.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media