Cerca

cultura

Milano, all'Idroscalo fine settimana di arte e meditazione

12 Luglio 2014

0
Milano, all'Idroscalo fine settimana di arte e meditazione

Milano, 12 lug. (Adnkronos) - L'Idroscalo di Milano prepara un weekend all'insegna del relax, dell'arte e della cura di sé. Si apre oggi la personale dedicata al fotografo Pietro Broggini, presso la Sala Azzurra dello Spazio Idroart. La mostra, intitolata "Light Line Station One", rappresenta la prima tappa di un percorso che si snoderà in tutta l'area del Parco Sud: un esperimento di valorizzazione del territorio milanese tramite l'arte contemporanea, che trova il suo perfetto punto d'origine all'Idroscalo, che ha fatto dell'integrazione di cultura e natura uno dei suoi punti di forza già con l'inaugurazione del Parco delle Sculture. Nel lavoro di Broggini si rivela la fisionomia notturna della città, incontro di luce e ombra. La mostra è visitabile ogni sabato e domenica dalle 15 alle 20.

Domani, domenica 13 luglio, invece, dalle 10 alle 18.30 l'area boschiva dietro le tribune si trasformerà un un'oasi di pace e "meditazione in movimento" con lezioni aperte di Tai Chi e Qi Gong. Le due discipline orientali, basate sulla respirazione e il controllo dei movimenti, derivano da due arti marziali d'eccezione, che privilegiano la lentezza e l'equilibrio interiore, tanto da costituire in sé un esercizio di concentrazione. La pratica del Tai Chi e del Qi Gong ha inoltre riscontro sul benessere del corpo, perché incrementa la forza degli arti, contrasta le malattie cardiovascolari e l'osteoporosi e favorisce i processi riparativi e l'eliminazione delle tossine. Per chi, tra un esercizio e l'altro, avesse voglia di concedersi uno spettacolo caratteristico, c'è la regata di barche a vela radiocomandate organizzata dalla Federazione Italiana Navimodel, a partire dalle 10.

Lunedì 14, infine, all'Idroscalo si inaugura l'Idrojazz Festival, all'interno della rassegna "Spettacoli ai Chiari di Luna": una serie di cinque serate che rivisitano la musica dei grandi del passato, attraverso le interpretazioni dei più famosi jazzisti italiani contemporanei. Ad aprire la mini-rassegna, lunedì alle 21 sarà Dado Moroni. che farà rivivere la musica del pianista e tastierista Herbie Hancock.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media