Cerca

E’ la denuncia dei sindacati che hanno promosso la manifestazione del 14 dicembre

Commercialisti, l’eccesso di burocrazia fiscale fa sprofondare Italia

7 Dicembre 2016

2
La mannaia del fisco: sbagli di un euro? Sei rovinato: arriva una multa stratosferica

ROMA - In Italia imprese e professionisti impiegano mediamente 240 ore l’anno per effettuare gli adempimenti fiscali e previdenziali: 2,58 volte di più di un’impresa danese, 2,18 di una britannica, 1,97 di una svedese, 1,73 di una francese, 1,58 di una spagnola. Questi numeri resi noti dall'ultimo rapporto sulla competitività economica stilato dalla Banca Mondiale-Doing Business 2017, sono tra le principali ragioni alla base della massiccia mobilitazione promossa per il prossimo 14 dicembre alle 11 in piazza Santi Apostoli a Roma, dal Comitato Manifestazione Unitaria Commercialisti (Adc, Aidc, Anc, Andoc, Unagraco, Ungdcec, Unico), che vedrà la partecipazione di migliaia di professionisti provenienti da tutt'Italia.

Tutte le sigle che hanno indetto questa mobilitazione, la prima del suo genere, denunciano l'altissimo tasso di complessità del sistema fiscale (paying taxes) che vede l'Italia occupare il 126esimo posto, subito a ridosso del Kenya e collocarsi prima di Sao Tome e Principe.
I commercialisti ritengono altresì “inaccettabili e controproducenti” le normative contenute nel decreto fiscale approvato dal Parlamento, che introduce a carico di tutti i contribuenti titolari di partita iva nuovi adempimenti fiscali, accompagnati da sanzioni sproporzionate ed inspiegabili: è sufficiente un errore di 1 euro per produrre una sanzione da migliaia di euro, appesantendo un sistema già zavorrato da burocrazia ed inefficienza.

In particolare – si sottolinea - a partire dal 2017 le partite iva dovranno comunicare ogni tre mesi all’Agenzia delle Entrate tutte le fatture emesse e ricevute nel trimestre precedente, nonché le relative liquidazioni dell’imposta, rendendo così trimestrali adempimenti oggi annuali.
Rendere il sistema tributario una specie di 'buco nero' della burocrazia frustra la ripresa e scoraggia gli investimenti ed è per questo che i professionisti dicono "basta agli adempimenti inutili".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • josef.sezzinger

    08 Dicembre 2016 - 13:01

    Ancora poco e il Ministero delle Finanze verrà a gestire direttamente la contabilità delle aziende. La pervasività del Fisco è immensa e influenza ogni decisione, compresa quella di non investire in Italia. I commercialisti hanno ragione da vendere; se sono esasperati loro, immaginate coloro che questi obblighi(e rischi di sanzioni) devono subirli.

    Report

    Rispondi

  • marcadabollo

    08 Dicembre 2016 - 00:12

    E hanno ragione. Ed inoltre, mi spieghi questo Stato rubasoldi, perche io partita iva minimi, devo regalare il 27% ad inps , me lo viene a spiegare? Tutto dovrebbe essere impostato in base al fatturato! Banda di ladri! E poi raccontate che aiutate le imprese! Ma auguro il fallimento pure a tutta la politica dirigente a sto punto! C' è davvero da andarsene da sto Paese e lasciare sti ladroni con i loro migranti e clandestini, cosí vediamo cosa realmente costruiranno!!

    Report

    Rispondi

media