Cerca

Ricordate il 2011?

Il grosso rischio per l'Italia, si muovono banche e cancellerie: devastante patrimoniale in arrivo

21 Settembre 2017

10
Il grosso rischio per l'Italia, si muovono banche e cancellerie: devastante patrimoniale in arrivo

Tira una brutta aria. L'autunno rischia di regalare all'Italia un'altra stagione lacrime e sangue, stile 2011-2012. Le tappe sono state riassunte, indirettamente, da un report di Goldman Sachs (e non solo) di cui parla Italia Oggi e che, sostanzialmente, delinea un quadro inquietante: volatilità sui mercati, crescita dei partiti anti-euro, debolezza istituzionale, economica e finanziaria. Tutto questo è posto come antipasto alla domanda centrale per il nostro destino: "Che succederà in quel caso?". 

È la stessa a cui hanno dato una risposta i capi di Bruxelles, Strasburgo, Berlino, Parigi e Washington quando ci fu da abbattere il governo di Silvio Berlusconi. La traduzione fu: più stabilità (alla lunga, è accaduto esattamente l'opposto), più europeismo, più tasse. Un dramma per gli italiani. A tal proposito, Citigroup (banca d'affari molto potente e molto ben informata) avanza addirittura l'idea che all'Italia convenga un governo senza maggioranza. Una grossa coalizione allargatissima e senza responsabilità di fronte agli elettori, come accaduto di fatto con Mario Monti prima ed Enrico Letta poi, prima che Matteo Renzi trasformasse il governo in un mono-colore Pd o quasi. L'obiettivo, che coincidenza, sarebbe "completare le riforme del 2011".

All'orizzonte, sottolinea Italia Oggi, c'è lo zampino di Germania e Francia, che stanno mettendo a punto l'accordo su un bilancio europeo comune per "governare l'economia dell'Eurozona" in grado di condizionare i bilanci dei singoli stati membri. È il sogno del falco rigorista tedesco Schaeuble, braccio destro di Angela Merkel, e un vero e proprio incubo per i paesi più in sofferenza, tra cui l'Italia, che ogni anno alla vigilia della finanziaria mendica decimali di libertà per non comprimere la spesa pubblica (e il debito). Il rischio, concretissimo, è che le nuove regole europee vengano decise e applicate contro la volontà del governo italiano, peraltro latitante. Cosa significherebbe per le nostre tasche: una nuova, devastante tassa patrimoniale che potrebbe abbattere il debito e, insieme a quello, le famiglie e i risparmiatori. 



Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • snake79

    22 Settembre 2017 - 11:11

    il fatto e che a Brescia c'è uno sfigurato dall'acido, un'altro a Firenze che gli hanno tolto il rene buono e non pagano ne coi soldi ne con la galera e siete morti siete le cozze del mondo e ben vi sta.

    Report

    Rispondi

  • Gioacchino123

    22 Settembre 2017 - 11:11

    Togliete tutti i soldi dalle banche, fermatevi e riflettete che benefici ci sono? Nessuna e allora. Giocano in borsa con i vostri risparmi poi fanno fallimento e voi non potete fare niente potete solo piangersi adosso dalla disperazione. Sono i bancari che comandano il mondo non i politici.

    Report

    Rispondi

  • nellomaceo

    22 Settembre 2017 - 09:09

    Solo degli infami possono dire che c'è ripresa e che le cose stanno migliorando.Infatti campagne abbandonate al centro sud,disoccupazione da brivido(non quella falsa dell'ISTAT),paesi dell'UE che non hanno il maledetto EURO che fanno passi avanti in termini di PIL e occupazione....e noi siciliani ad essere solo tassati da un governo che difende la CASTA e se ne fotte della gente!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

"È intelligente e preparato". Silvio lancia il Draghi premier: "Se fosse disponibile..."

Matteo Salvini: "Se a qualcuno non piacciono presepio, crocefissi e campanili torni a casa propria"
Beppe Grillo arriva al secondo giorno di Italia 5 Stelle lanciando baci ai giornalisti
Matteo Salvini attacca gli ex alleati: "Il M5s si vergogna a farsi vedere nelle piazze in Umbria"

media