Cerca

veneto

Funghi: Coldiretti, in Veneto annata da record, boschi habitat ideale per porcini e chiodini (2)

19 Settembre 2018

0

(AdnKronos) - "E’ necessario, quindi, evitare le improvvisazioni e seguire norme e vincoli specifici presenti nei diversi territori. Non fidarsi assolutamente dei detti e dei luoghi comuni, ma anche rivolgersi sempre, in caso di incertezza, per controlli ai Comuni o alle Unioni micologiche e utilizzare cestini di vimini ed evitare le buste di plastica. La buona stagione è una opportunità anche per buongustai che preferiscono cercarli sugli scaffali", spiega il presidente di Coldiretti veneto, Daniele Salvagno.

In questo caso la Coldiretti invita a verificare l’indicazione il luogo di raccolta o coltivazione, dell’origine in etichetta o su appositi cartellini che deve essere riportato obbligatoriamente da quest’anno dopo i chiarimenti forniti al quesito della Coldiretti nella risposta ufficiale della Commissione Europea che – sottolinea la Coldiretti – ha chiarito che le indicazioni obbligatorie devono essere presenti sui documenti che accompagnano il prodotto in tutte le fasi della commercializzazione e che l’indicazione del Paese di origine è sempre obbligatoria per tutti i prodotti ortofrutticoli freschi, anche se esentati dal rispetto della norma di commercializzazione generale, come tartufi e funghi spontanei.

"Una garanzia – conclude il presidente di Coldiretti Veneto, Daniele salvagno - per sapere se i pregiati frutti del bosco sono stati raccolti nella Penisola o se sono arrivati in Italia da Paesi lontani con minore freschezza e garanzie di qualità e sicurezza alimentare".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media