Cerca

veneto

Intesa Spaolo: accordo con Fipe su nuovi servizi digitali

15 Aprile 2019

0

Verona, 15 apr. (AdnKronos) - Intesa Sanpaolo e FIPE (Federazione Italiana Pubblici Esercizi)-Confcommercio hanno siglato lo scorso gennaio un accordo a favore delle oltre 100.000 aziende associate alla Federazione, di cui circa 2.500 nella provincia veronese, che operano nel settore della ristorazione, dell’intrattenimento e del turismo. Oggi a Verona si è tenuto il primo di una serie di incontri nelle principali città con l’obiettivo di migliorare la cultura finanziaria delle imprese associate e di facilitare la relazione tra aziende e banca.

L’intesa è stata presentata presso la sede di Confcommercio Verona durante un incontro a cui hanno partecipato Paolo Arena, Presidente Confcommercio Imprese per l’Italia Verona, Roberto Calugi, Direttore Generale FIPE, Luciano Sbraga, Responsabile Ufficio Studi FIPE, Andrea Lecce, responsabile Direzione Sales Marketing Privati e Aziende Retail Intesa Sanpaolo, Renzo Simonato, direttore regionale Nordest Intesa Sanpaolo, Francesca Nieddu, direttore commerciale retail Veneto Ovest e Trentino AA Intesa Sanpaolo Marcello Paoli, Responsabile Aziende Retail Intesa Sanpaolo, Paolo Artelio, Coordinatore FIPE Verona e Presidente Confidi Veneto.

L’obiettivo è fornire alle aziende strumenti su misura per l’operatività quotidiana e per rispondere alle nuove esigenze: pagamenti digitali, fatturazione elettronica e finanziamenti per accrescere la qualità dei servizi e la capacità di competere. Per favorire i pagamenti digitali, anche di piccolo importo, l’accordo prevede l’azzeramento delle commissioni in carico agli esercenti per tutte le transazioni POS di importo inferiore ai 15 euro.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Migranti, il premier Conte in Senato: "Accordo di Malta non risolutivo"

Tafida, la grande sfida del Gaslini: ricoverata a Genova la bimba affetta da lesione cerebrale
L'aria che tira, Luigi Di Maio travolto da Carlo Calenda: "Show ridicolo, dimissioni immediate"
Eutanasia, i radicali "cercano malati terminali" per lo spot. La rabbia di Pro Vita & Famiglia

media