Cerca

Il mondo sull'orlo del precipizio

Siria, gli Stati Uniti bombardano dopo l'attacco chimico. Furia della Russia: "Aggressione brutale, cambieranno gli equilibri"

7 Aprile 2017

13
Siria, gli Stati Uniti bombardano dopo l'attacco chimico. Furia della Russia: "Aggressione brutale, cambieranno gli equilibri"

Ci ha messo poco. Anzi, pochissimo. Due mesi e mezzo dall'insediamento e poche ore di riflessione dopo l'attacco col gas in Siria. Poi Donald Trump è passato all'attacco. Alla guerra. Nella notte italiana tra giovedì e venerdì da due portaerei al largo del Mediterraneo sono stati lanciati 59 missili Tomahawk contro obiettivi strategici del regime di Bashar Al-Assad, individuato come responsabile certo della strage di Khan Sheikhoun, di martedì mattina, dove sono morte oltre 80 persone, tra le quali 27 bambini. L'attacco è partito alle 2.30 ora italiana. Nel dettaglio, gli Stati Uniti hanno preso di mira la base di Al Shayrat da cui, secondo le loro informazioni, erano partiti gli aerei con le armi chimiche. Prima di colpire, riferiscono fonti del Pentagono ai media Usa, sono stati avvertiti i russi. "Non avevamo nessuna intenzione di colpire i loro aerei" ha detto un funzionario anonimo al New York Times. Secondo Damasco, nel raid sarebbero morte 15 persone, tra cui 4 bambini.

Inizia la guerra. E soprattutto arrivano le reazioni della comunità internazionale. Russia su tutte, che parla di "irresponsabile atto di aggressione" in grado di "peggiorare i rapporti con Washington". Il gesto di Trump, dunque, mina alle basi gli equilibri internazionali: i rapporti con Vladimir Putin, da sempre sostenitore di Assad, rischiano di subire drastici scossoni. Da par suo, Trump ha parlato poco dopo l'attacco, dalla Florida, dove si trova per un vertice con l'omologo cinese Xi Jin Ping: "Martedì - ha affermato - il dittatore della Siria, Bashar al-Assad, ha lanciato un terribile attacco con armi chimiche contro civili innocenti, uccidendo uomini, donne e bambini. Per molti di loro è stata una morte lenta e dolorosa. Anche bambini piccoli e bellissimi sono stati crudelmente uccisi in questo barbaro attacco. Nessun bambino dovrebbe mai soffrire tale orrore".

E ancora, il governo russo ha annunciato la richiesta della riunione urgente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Lo ha affermato Victor Ozerov, presidente del Comitato del Consiglio della Federazione russa sulla difesa e la sicurezza: "Questo può essere considerato un atto di aggressione da parte degli Stati Uniti contro uno Stato delle Nazioni Unite".

Durissima la reazione della tv di stato siriana che ha definito il raid missilistico "un'aggressione" da parte degli Stati Uniti. Tra gli obiettivi colpiti, piste, velivoli e zone di rifornimento. Sarebbero rimasti uccisi 4 militari siriani, secondo l'osservatorio siriano per i diritti umani (osdh), ong che si basa sulle testimonianze dirette dalle varie regioni siriane.

Le indiscrezioni relative all'attacco avevano iniziato a circolare giovedì sera, quando era trapelata l'indiscrezione che il Pentagono stesse studiando i piani per un intervento militare in Siria. L'opzione scelta da Trump - un attacco mirato da una portaerei - è secondo gli esperti Usa la più restrittiva fra quelle che gli aveva messo sul tavolo il segretario alla Difesa Jim Mattis. Il Pentagono, infatti, temeva che l'uso di aerei avrebbe fatto scattare la contraerea e l'aviazione russa. Le polemiche, comunque, sono destinate a montare: Trump è intervenuto senza chiedere l'autorizzazione del Congresso, una possibilità prevista dall'11 settembre in poi ma, nella questione, molto irrituale. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • verbavolant

    verbavolant

    07 Aprile 2017 - 11:11

    Premesso che TUTTI i bombardamenti sono da condannare, nel caso Siria bombardano molte nazioni in primis la Russia che lo fa da anni. La domanda è: perchè l'America viene criticata? Via tutti e che la Siria faccia da sola.

    Report

    Rispondi

  • Christia

    07 Aprile 2017 - 10:10

    Il vigliacco Putin nasconde la verità è lascia massaccrare così i bambini, giustizia, eliminare assad e Putin

    Report

    Rispondi

  • sergioperry

    07 Aprile 2017 - 09:09

    chi sa fare di meglio , con i fatti e non con le chiacchiere, si faccia avanti. Tutti i capi di stato europei, Merkel in testa, sono contenti, ma non lo dicono per correttezza politica. Gli unici capaci di togliere le castagne dal fuoco sono gli Americani, gli altri, per interesse o per paura rimangono fermi , e al massimo protestano con la maestra senza occhi e senza gambe: l'ONU.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Matteo Salvini durissimo con la signora che ha rifiutato l'affitto alla ragazza foggiana: "Una cretina"

Matteo Salvini sicuro su Pontida: "Sarà la più partecipata di sempre. Vogliamo unire il Paese"
"I Conte tornano". Camera con Vista, i retroscena dalla settimana del bis
Nicola Zingaretti, appello al M5s: "Non dobbiamo aver paura di allargare la coalizione alle regionali"

media