Cerca

Cosa c'è dietro

Bando russo, perché Putin ce l'ha con Geova

22 Aprile 2017

17
Bando russo, perché Putin ce l'ha con Geona

Con una sentenza destinata a fare scalpore la Corte Suprema russa, giovedì scorso, ha decretato la messa al bando in tutta la Federazione russa dei Testimoni di Geova, bollandoli come «organizzazione estremista». Vengono condannati quasi fossero jihadisti, con il sequestro di tutte le loro proprietà e lo scioglimento della loro filiale di San Pietroburgo e 396 sedi regionali iscritte nella Federazione. Viene impedito loro di parlare della loro fede e riunirsi nelle loro sale.

Un' ingiustificata repressione della libertà di culto, dominata non da una logica giuridica ma da criteri di puro calcolo politico. L' iniziativa del Ministero della Giustizia viene definita «estremamente preoccupante» dagli esperti dell' Onu, secondo cui «questo processo è una minaccia non solo ai Testimoni di Geova, ma alla libertà individuale in generale nella Federazione russa». Roman Lunkin, direttore dell' Istituto di Religione e Legge di Mosca, ha affermato che l' obiettivo è quello di «sopprimere tutte le organizzazioni non governative» che rispondono a una sede in un altro Paese. Nel caso dei Testimoni, gli Stati Uniti.
La messa al bando della loro fede offre materia d' amara riflessione: la difficoltà di molti Stati (non solo in Russia per dire il vero) a essere neutrali ed equidistanti rispetto alle diverse maniere in cui si esprime la vita spirituale dei singoli.
Sembrava che il governo russo post-sovietico, si fosse aperto a un moto di risveglio laico che dissolvesse qualsiasi tipo di discriminazione verso una molteplicità di etnie e religioni diverse nel suo vasto territorio. Con la sentenza di questi giorni la Corte Suprema ha dimostrato un opaco offuscamento dell' idea di giustizia, un atteggiamento di gretta intolleranza, lesiva dei diritti fondamentali di una comunità religiosa minoritaria che rappresenta in Russia un insieme di persone valutabili, fra militanti e simpatizzanti, intorno ai 300.000, (in Italia 450.000, più di venti milioni in 240 nazioni).
Stando così i fatti se ne ricava un impressione ben precisa: l' intervento del «braccio secolare» si traduce in un abuso che nega il diritto dei fedeli di vivere secondo regole, scelte, principi dettati dalla propria coscienza. Abuso dissimulato pretestuosamente dall' esigenza d' ordine civile e di legalità attinenti al rapporto che i Testimoni avrebbero con lo Stato e le sue leggi.
Di qui la necessità di discriminarli ed emarginarli in un clima di odio e sospetto, non tanto per i loro convincimenti religiosi ma perché «estremisti religiosi», «sediziosi», «terroristi». In altre parole criminali. Il paradosso è che sono noti in tutto il mondo per l' atteggiamento pacifico e non violento come obiettori di coscienza. I Testimoni non votano e non partecipano alla vita politica e alle cerimonie patriottiche, l' antidoto contro ogni forma di estremismo.

Purtroppo quelli che sono disposti a morire per la loro fede (i testimoni furono martirizzati sotto il nazismo e il comunismo), sono spesso sospettati di essere una «minaccia per l' armonia della società». Spesso presentati sotto falsa luce nell' immaginario di molti che non li conoscono, vengono dipinti pregiudizievolmente come una sorta di setta clandestina. Visto che la realtà è molto diversa, viene da pensare che il vero bersaglio sia il loro proselitismo (fastidioso per le religioni dominanti), che si vuol reprimere escogitando falsi pretesti basati su accuse risibili.
Da parte loro sono fermamente determinati a continuare la loro evangelizzazione, qualunque cosa possa succedere. Se la sentenza di colpevolezza che verrà discussa in appello entro un mese non verrà annullata, si rivolgeranno alla Corte Europea di Strasburgo per i Diritti umani. In un loro volantino diffuso in Russia in milioni di copie riassumono la loro determinazione con queste parole: «La repressione non avrà mai successo. Non smetteremo di parlare con gentilezza e rispetto di Geova Dio e della sua Parola, la Bibbia. Non smettemmo sotto l' orribile persecuzione della Germania nazista, non abbiamo mai smesso durante i tempi bui della repressione nel nostro Paese, e non smetteremo ora». Il portavoce della comunità russa Yaroslav Sivulskij, ha detto: «Andremo in prigione di nuovo, perché non possiamo smettere di pregare, obbediamo a Dio non agli uomini».
Si dimentica e disconosce che i Testimoni di Geova, pur nella loro atipicità e diversità, sostengono valori etici e biblici fondamentali. Pur senza volerli incensare, si deve ammettere che, anche se vi sono forti critiche nei loro confronti, peraltro provenienti spesso dalle religioni «istituzionali», si leggono nel contempo, espressioni di apprezzamento da persone al di sopra di ogni sospetto.
I critici e gli oppositori dei Testimoni non dimentichino che quando un governo limita la libertà di una fede, ha il potere di limitare la libertà di qualsiasi fede. Se è vero che ognuno ha le sue opinioni e ha il diritto di non ascoltare o criticare opinioni religiose diverse, è anche vero che lo Stato non dovrebbe avere l' autorità di omologare le coscienze. Se qualcuno commette reato ne risponda personalmente.
Al di là delle loro idee, dovremmo avere tutti un debito di gratitudine verso i Testimoni di Geova. Lottano con grande fede per la libertà di culto e non si sono mai lasciati intimorire da qualsiasi forma di potere. Quando loro vincono, vinciamo tutti, quando perdono, perdiamo tutti.

di Steno Sari

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • francescoautore

    25 Aprile 2017 - 17:05

    Non sia bastato a disinnescare l odio ideologico ,tanto meno disinnescare accuse risibili . Insomma in Russia non la si può pensare diversamente dal regime ,qualsiasi critica costruttiva viene vista come una minaccia e la magistratura Putiniana é relegata alla più bassa forma di repressione ideologica. Spazio allora agli arrabbiati filonazisti, antisemiti,Troll,Stolker della peggior specie dunque.

    Report

    Rispondi

  • francescoautore

    25 Aprile 2017 - 17:05

    Un articolo veramente ben scritto che rispecchia la preoccupante escalation di intolleranza religiosa che sta avvenendo in Russia ventilata dalla chiesa ortodossa (come hanno più volte dimostrato le prove presentate in aula ) Sciocca il mondo il fatto che Smontare una ad una le prova contro i TdG,che poi altro non erano che dicerie da blog e girnalettismo stile "le jene " in aula a suon di prove

    Report

    Rispondi

  • John carter

    John carter

    24 Aprile 2017 - 17:05

    Ora i testimoni di Geova inneggiano alla democrazia che per primi non riconoscono ne praticano.. Infatti all'interno della setta/religione si ineggia alla Teocrazia come fa Isis ecc. E si prega per la distruzione delle nazioni comprese le democratiche ovviamente. Io sono stato 36 anni tdg e nominato in possesso di doc. ed esperienze ,non vi servirà riccattarmi usando i miei affetti !! Genova

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media