Cerca

fronte caldissimo

La Russia minaccia Trump: "Soluzione militare in Nordcorea avrebbe conseguenze imprevedibili"

5 Luglio 2017

1
La Russia minaccia Trump: "Soluzione militare in Nordcorea avrebbe conseguenze imprevedibili"

jean H. Lee è una ex inviata per l'Associated press a Pyongyang e oggi lavora come analista al Wilson center. Pochi come lei si intendono di Nordcorea e l'intervista che ha rilasciato a La Repubblica all'indomani del test balistico eseguito con successo dal governo di Pyongyang non lascia presagire nulla di buono. Sopratutto perchè, spiega, "Trump continua a invocare l'aiuto della Cina: ma è complicato. Che tipo di controllo ha davvero Pechino sul pericoloso vicino? Non è chiaro. E poi: chi potrebbe mai volere a Pechino il collasso di uno Stato pronto a inondare la regione di profughi? Oltretutto, per i predecessori di Kim Jong-un la Cina era tutto: protezione e sicurezza. Lui invece si sente più autonomo con la bomba". Certo, per la Nordcorea, la Cina continua ad essere un partner commerciale importante, come rivela il tweet diffuso oggi dal presidente Trump, che conferma in tutto i timori della lee riguardo al ruolo della Cina: "Il commercio tra Cina e Corea del Nord è cresciuto di quasi il 40% nel primo trimestre. Tantissimo per la Cina che lavora con noi. Ma dovevamo provarci!», ha scritto Trump.

Una frase, quel "dovevamo provarci" che sembra lasciar intendere un seguito, con gli Stati Uniti che ormai da mesi apertamente minacciano un intervento armato contro il regime nordcoreano. Intanto, oggi, Russia e Cina presenteranno al Consiglio di sicurezza Onu la loro iniziativa congiunta per la soluzione della crisi nella penisola coreana, firmata ieri in occasione della visita a Mosca del presidente cinese Xi Jinping. Ma il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov non ha perso tempo nel lanciare un monito che suona quasi una minaccia agli Stati Uniti: "Per Russia e Cina è assolutamente chiaro che ogni tentativo di giustificare una soluzione bellica, usando le risoluzioni del Consiglio di sicurezza Onu come pretesto, è inaccettabile e porterà a conseguenze imprevedibili nella regione», ha ammonito Lavrov. Nella loro dichiarazione, Mosca e Pechino chiedono a Pyongyang lo stop ai test missilistici e a Washington e Seul di mettere fine alle esercitazioni militari congiunte.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • er sola

    05 Luglio 2017 - 19:07

    Ma si, distruggiamo tutto, tanto è un mondo di merda... mi consola che spariranno questi sinistri e queste sinistresse infami.

    Report

    Rispondi

Evasione a Poggioreale, non accadeva da cento anni. Ecco il lenzuolo utilizzato per scappare

Contro-esodo, ferie finite per 7 italiani su 10. Bollino rosso sulle strade
Liguria, i vigili del fuoco soccorrono un escursionista in difficoltà su una parete rocciosa
Crisi di governo, parla Giovanni Tria: "I conti sono a posto. La legge di bilancio si può fare"

media