Cerca

Solidarietà

Notre-Dame, le donazioni vip per ricostruire la Cattedrale. Chi ha versato 100 milioni in un colpo

16 Aprile 2019

0
Corsa alle donazioni per la ricostruzione di Notre Dame: scendono in campo le big del lusso

È corsa alle donazioni per la ricostruzione della Cattedrale di Notre Dame. "La ricostruiremo" ha affermato Macron "da martedì lanceremo una raccolta fondi anche Oltralpe. Lanceremo un appello affinché i grandi talenti vengano a ricostruire la cattedrale" erano queste le parole pronunciate dal presidente francese mentre la cattedrale ancora bruciava e le risposte non sono mancate.

I primi nomi che hanno preso parte alla colletta sono quelli delle grandi big del lusso. La famiglia Pinault, a capo del gruppo Kering, colosso nel settore del lusso con brand come Gucci, Saint Laurent, Balenciaga, Alexander McQueen, Bottega Veneta, ha annunciato la donazione di 100 milioni di euro, poco dopo ha risposto all'appello l'altro big del lusso il gruppo LVMH di Bernard Arnault  proprietario di oltre 70 marchi tra cui Christian Dior, Bulgari, Fendi, Céline, Givenchy, Kenzo e Louis Vuitton che ha raddoppiato l'offerta con una donazione di 200 milioni.


Si aggiungono a questi 50 milioni stanziati dal comune di Parigi, 10 milioni di euro predisposti dall'Ile de France, la regione di Parigi, la creazione della pagina di raccolta fondi della French Heritage Society, organizzazione newyorkese volta alla conservazione dei beni artistici e culturali francesi e le oltre 50 pagine create sul sito di crowdfunding Go Fund Me per la ricostruzione della cattedrale. Ciò che preoccupa, ad ora, è la stabilità della struttura,"Ci muoveremo subito per ricostruirla", ha assicurato Macron.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media