Cerca

Le colpe del disastro

Notre-Dame, quello che i francesi non dicono: cosa si erano "scordati" dietro l'altare, vergogna di Stato

17 Aprile 2019

0
Notre-Dame, quello che i francesi non dicono: cosa si erano "scordati" dietro l'altare, vergogna di Stato

Tutto il mondo si mobilita per la ricostruzione di Notre-Dame, la Francia intera piange. Ma la verità è che a Parigi, negli ultimi anni, la cattedrale è stata letteralmente abbandonata e trascurata nonostante continuasse a essere il monumento storico più visitato d'Europa. Come ricorda anche Quotidiano.net, il governo transalpino per troppo tempo ha rinviato i lavori di restauro per cui erano stati già stanziati 150 milioni di euro, e non avesse predisposto adeguate misure di sicurezza, così come un impianto anti-incendio non solo per l'edificio, ma anche per le impalcature.

Leggi anche: "Dopo il rogo la guerra". L'inquietante premonizione dell'infallibile Nostradamus



"I pezzi dei gargoyle , i doccioni e le schegge di pietra che si staccavano dopo ogni inverno erano ammonticchiati dietro l'abside", si legge. Inutile dunque attaccarsi ai "presagi" o ai "segni miracolosi", come il gallo in rame della guglia unico elemento non bruciato, così come la grande croce d'oro dietro all'altare rimasta intatta. La verità, come sempre, è che per salvare le nostre radici storiche e culturali occorre investire tanto, in termini di soldi e impegno. E i soli 306 milioni di euro che il governo francese ha stanziato come budget 2019 per l'intero patrimonio monumentale in Francia sono quel che sono: briciole.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media