Cerca

L'inchiesta

Notre-Dame, la pista informatica: ecco cosa potrebbe esserci dietro al rogo

18 Aprile 2019

0
Notre Dame, non si scarta l'ipotesi criminale, la Procura:  "Si arriverà alla verità"

Notre-Dame, ora le indagini entrano nel vivo e a Parigi si inizia a lavorare tra le macerie. "Per fortuna non ci sono vittime, questo significa che possiamo concentrarci subito sulle cause dell' incidente", spiegano fonti investigative. L'ipotesi dell'incidente rimane la più accreditata, anche se ad ora tanti particolari non tornano. In particolare quelli relativi all'allarme informatico fatto scattare dal segnalatore di fumo alle 18:20. Peccato che l'agente di sicurezza inviato a verificare non abbia rilevato fumo, fiamme o puzza di bruciato. Come sottolinea Il Messaggero in una ricostruzione, si prende atto di quanto la situazione sia drammatica soltanto nel corso della verifica per il secondo allarme informatico, 23 minuti dopo. Troppo tardi.


Esclusa, ad ora, ogni responsabilità per la ditta incaricata dei restauri: "Lunedì, l'ultimo dei dodici operai al lavoro sulla cattedrale, ha lasciato il cantiere alle 17.50", ha spiegato un portavoce dell'azienda. Tutto, dunque, sarebbe stato fatto nel rispetto delle procedure e regolarmente annotato nei quaderni dei lavori". Si è insomma alla ricerca di qualsiasi cosa, da un mozzicone di sigaretta, alla cannella di una fiamma ossidrica così come di tracce chimiche di combustibile o di benzina. Ovvio, le indagini in un contesto di devastazione come quello di Notre-Dame dopo il rogo non sono semplici. Gli investigatori sottolineano che "anche quando avremo trovato il punto esatto in cui l'incendio è cominciato, analizzeremo come si è propagato. Non ci accontenteremo di una spiegazione basata su idee preconcette".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Open Arms, Matteo Salvini sfida la Ong sui porti chiusi: "Se serve, vado in galera"

Open Arms, Salvini sfotte Richard Gere: "Ci dà dei razzisti, poi...". La vacanza in Italia, ciao migranti
Open Arms, l'appello della Ong; "La situazione a bordo è insostenibile"
Ondata di caldo, Venezia tra le città più afose d'Italia

media