Cerca

La scelta

Vaticano, papa Francesco piazza una femminista all'Osservatore Romano: la nomina rivelatrice

1 Maggio 2019

4
Vaticano, papa Francesco piazza una femminista all'Osservatore Romano: la nomina rivelatrice

Grandi manovre per l'editoria del Vaticano, dove papa Francesco ha scelto la giornalista femminista Rita Pinci per dirigere il mensile Donne Chiese Mondo, supplemento dell'Osservatore Romano. La Pinci arriva sulle ceneri delle polemiche per le dimissioni di chi l'ha preceduta, Lucetta Scaraffia, che quel mensile lo aveva fondato. Si era anche parlato di una chiusura della rivista, finché è arrivata la nomina della Pinci.

Già nella redazione del Messaggero, dove è arrivata fino alla vicedirezione, la Pinci arriva da Tv2000, la tv dei vescovi italiani. Classe 1956, ha un passato da attivista nel movimento femminista. Un chiaro segnale di svolta a sinistra che il Papa ormai ha impresso su tante altre sue decisioni nei ruoli che contano della Santa Sede.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dagoleo

    06 Maggio 2019 - 14:02

    ma di fatto quanti lo leggono? i preti che conosco io l'Osservatore Romano manco si sognano di leggerlo.

    Report

    Rispondi

  • blu_ing

    01 Maggio 2019 - 19:07

    e chi se ne frega sto giornaletto oltre bergoglione lo leggerà la Emma cessino

    Report

    Rispondi

  • Ulanbator

    01 Maggio 2019 - 19:07

    Mi è stato insegnato a rispettare sempre e comunque il Papa. Oggi a 69 anni mi sento autorizzato ad apostrofare questo signore come un vero coglione

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Giorgia Meloni svela il vero obiettivo di Conte: "Salvare le poltrone del M5s"

Giuseppe Conte entra in Senato, applausi e strette di mano con i ministri 5 stelle. Gelo con i leghisti
Giulia Bongiorno: "Lega compatta, se c'è stata una rottura coi 5 stelle è solo perché vogliamo fare bene"
Luigi Di Maio lascia la riunione dei gruppi M5s senza fare dichiarazioni. Bocche cucite tra i grillini

media