Cerca

convergenze sovraniste

Matteo Salvini, anche Viktor Orban dalla sua parte: il primo ministro ungherese pronto a lascia il Ppe

14 Gennaio 2020

1
Orban minaccia di lasciare i popolari. Ora tratta con Salvini

Il primo ministro ungherese, Viktor Orban, è tornato a minacciare l'uscita del suo partito (Fidesz) dal Partito Popolare europeo, il primo raggruppamento a Strasburgo. La staffilata contro gli euro colleghi è arrivata da una conferenza stampa a Budapest. Secondo Orban, il Ppe sta diventando sempre più debole, "troppo liberale, socialista e centrista", mentre perde influenza, posizioni e dimentica i suoi valori fondativi. Ecco che Orban elenca due priorità, le quali potrebbero avvicinarlo a Matteo Salvini.

"Bilanciare il potere in Europa del presidente francese Macron e sostenere la politica estera degli Stati Uniti contro l'Iran". Su questi due temi, Orban chiede al suo partito di prendere una posizione netta, così come ha fatto a più riprese la Lega di Matteo Salvini. Se il primo ministro ungherese dovesse sposare il progetto sovranista, creando un nuovo gruppo con Matteo Salvini e il polacco Kaczinsky, il Ppe perderebbe un grande partito come Fidesz, il migliore, in termini relativi tra i popolari europei (52% alle ultime elezioni europee in Ungheria). La Repubblica parla di trattativa in corso tra il capogruppo leghista di Identità e Democrazia (il gruppo europeo al quale appartiene la Lega) e gli esponenti di Fidesz. La nuova formazione, che diventerebbe il terzo gruppo più folto, potrebbe chiamarsi "Conservatori e identitari".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alpinofriz

    14 Gennaio 2020 - 18:08

    Speriamo ma..... di Orban c'è poco da fidarsi... Vorrà qualche cosa dall'UE

    Report

    Rispondi

Coronavirus, l'annuncio di Attilio Fontana: a quanto sono arrivati gli infetti in Lombardia

Coronavirus, l'allarme del professore Ippolito: "È una guerra che vogliamo combattere"
Coronavirus, il "paziente zero" di Codogno e la "rapidità di propagazione sorprendente"
Mattia Santori, altro disastro dopo il bimbo autistico. "A noi sardine non interessa chi vince, ma..."

media