l'allontanamento

Emmanuel Macron licenzia la ambasciatrice Segolene Royal. Retroscena: presto la vendetta?

15 Gennaio 2020

Segolene Royal, Macron non perdona. Vendetta nel 2022?

Il presidente francese Emmanuel Macron ha sollevato Ségolène Royal dal ruolo di ambasciatrice per i Poli (Artide e Antartide). La ragione, come si legge nella lettera di licenziamento pubblicata su Facebook dalla Royal, risiederebbe nelle "prese di posizione pubbliche che contestano la politica del governo". La ministra degli Esteri francese aveva già ammonito la sua ambasciatrice, invitandola a "rispettare le scelte del governo" oppure a dimettersi per "recuperare la sua libertà di parola". Adesso, l'ormai ex ambasciatrice medita vendetta.

Ségolène Royal, esponente socialista di lungo corso e sconfitta alle presidenziali del 2007 da Sarkozy, paga caro le sue dichiarazioni al vetriolo sull'operato del governo francese riguardo temi ecologisti, riforma delle pensioni e ha più volte criticato la vicinanza di Macron alle élite finanziarie globali. A rottura consumata, la Royal ritrova la sua autonomia e sta riflettendo se, in vista delle presidenziali del 2022, lanciare o meno una sfida da sinistra a Macron.