Cerca

Alfano: carceri sovraffollate

"Ci sono troppi stranieri"

26 Agosto 2009

14
Alfano: carceri sovraffollate
Dal meeting di Rimini di Cl, il ministro della Giustizia Angelino Alfano lancia l’allarme: nelle carceri italiane “ci sono oltre 63mila detenuti. Oltre 20mila sono stranieri, il che vuol dire che le carceri italiane sono idonee a ospitare i detenuti italiani”. Perché il vero problema sta nel fatto che con l'aggiungersi degli stranieri agli italiani “si supera la capienza regolamentare, ma anche quella tollerabile. Ho fatto un appello all'Ue”.
Per Alfano l’Unione europea “non può da un lato esercitare sanzioni e dall'altro chiudere gli occhi sul fenomeno del sovraffollamento carcerario che deriva dalla presenza di detenuti stranieri. Un fenomeno a cui la Ue deve prestare attenzione, facendosi promotrice di trattati o dando risorse economiche per costruire nuove carceri agli stati più interessati dal problema”
Nessun indulto - “Noi – ha ribadito il Guardasigilli - non intendiamo procedere sulla via seguita per 60 anni dalla Repubblica italiana: 30 provvedimenti di amnistia indulto per risolvere il problema del sovraffollamento delle carceri. Si fanno uscire ogni 2 anni 30mila detenuti ma il problema non si risolve mai. Noi puntiamo sulla realizzazione di nuove carceri e sul lavoro in carcere per abbassare la recidiva”.
Risorse economiche e critiche all’atteggiamento dell’Europa, ma non solo. Alfano ha rivolto l’attenzione anche al Consiglio superiore della magistratura – a Rimini c’era anche il suo vicepresidente Nicola Mancino – e all’opposizione.
Il Csm "un parlamento bonsai" - Il problema principale del Csm è quello della proliferazione delle correnti, ha detto il ministro: “Al punto che quando ci andai appena nominato ministro mi dette l'idea di un parlamento bonsai”. Una riforma non va quindi esclusa: “L'esordio - ha raccontato - per me fu lunare: c'erano i capigruppo che si esprimevano a nome delle correnti. Il problema che si pone è quello della 'indipendenza interna’: i membri che vengono votati ed eletti sono poi quelli che decidono sulle promozioni e le sanzioni disciplinari. È un meccanismo troppo simile a quello della politica. La parificazione di accusa e difesa nel processo penale dovrà avere una ricaduta anche sul Csm, ma per riformarlo è necessario intervenire sulla Costituzione”.
Il Pd si sganci da Di Pietro - E al Partito democratico è stato rivolto l’invito a sganciarsi definitivamente dall’Italia dei valori: “Le nostre tesi sulla giustizia sono chiare e visibili, il Pd abbia il coraggio e la forza di sganciarsi da Di Pietro. Il dialogo è un metodo - ha detto Alfano - la decisione il fine, se non si arriva alla decisione il metodo è sbagliato. Un anno fa c'era un governo ombra con cui dialogare, poi il governo ombra è caduto, mentre quello vero è ancora qua. Le nostre tesi sono chiare, il Pd deve sganciarsi da Di Pietro e dire che al centro del sistema giustizia deve esserci l'uomo e il cittadino”.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lorenzun

    31 Agosto 2009 - 10:10

    E c'era bisogno di pagare uno da ministro per sapere che le carceri sono sovraffollate in maniera animalesca? Io plauderò ad Angelino quando questi dimostra, oltre che a denunciare i problemi scontati, di saperli risolvere.Intanto si ha l'impressione di una mera speculazione a fini altrettanto scontati ed elettorali. Si stanno portando avanti con il "lavoro" della prossima campagna, mai evidentemente interrotta.

    Report

    Rispondi

  • lorenzun

    31 Agosto 2009 - 09:09

    La solfa di questo governo è sempre lo straniero, prima dell' "avvento" leghista, certi paesani non avevano questo ma il problema dei meridionali. Vergogna, la xenofobia è contenuta enemicamente nel sangue di chi non conosce la vera politica.

    Report

    Rispondi

  • LuigiFassone

    31 Agosto 2009 - 09:09

    RIPETO : Intanto io apprezzo un Ministro della Repubblica (la nostra,fondata sul lavoro eccetera,non sul Quotidiano del sommo Scalfari) che comincia a dirlo,forte e chiasro, questa che se nelle carceri non ci fossero gli stranieri,... E che bisogna costruirne di nuove o riattarne di vecchie, carceri . Non apprezzo invece chi altri stranieri senz'arte nè parte bisogna farne entrare a dismisura,adducendo che gli italiani non vogliono più eccetera (la solfa la sanno perfino le italiche pantegane ...)perchè è dimostrato che una parte di codesti andrebbe quasi subito a...trovare una occupazione proprio in carcere. Per l'attuazione del programma carceri poi,non metto lingua,staremo a vedere!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media