Cerca

Casini: insultati da Silvio

Nessuna alleanza col Pdl

16 Settembre 2009

41
Casini: insultati da Silvio
 «Non c'è alcuno spiraglio per discutere a livello nazionale di un'alleanza organica». Così il leader dell'Udc, Pier Ferdinando Casini, precisa quanto detto ieri nel corso di una turbolenta telefonata a Porta a Porta con il presidente del consiglio Silvio Berlusconi. Intervistato questa mattina su Canale 5 dal direttore Maurizio Belpietro, Casini ha detto di essere «trasecolato» dopo aver ascoltato le «inaccettabili» parole di Berlusconi sull'Udc, che deciderebbe le proprie alleanze in base alle clientele. «Non dobbiamo niente nè al Pdl nè al Pd», ha detto il leader Udc. «Poi - ha sottolineato - ci sono tanti amministratori bravi del Pdl e tanti del Pd. Ma la base delle alleanze è il rispetto reciproco: non possiamo accettare come base gli insulti». Quanto al partito del premier, ha aggiunto che «se la base della trattativa è dire che noi cerchiamo poltrone, allora una trattativa non è mai esistita. E comunque una trattativa a livello nazionale non siamo disposti a farla. Le decisioni saranno prese a livello locale, dai dirigenti locali - ha poi precisato Casini - soprattutto dopo le affermazioni di ieri del presidente del consiglio, ci saranno impegni scritti per le alleanze».

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giovannib

    05 Gennaio 2010 - 21:09

    casini ha capito che forse il tempo dei giochetti e giochini della prima repubblica sono (speriamo) definitivamente conclusi e che la Nazione ha bisogno e vuole una governabilità stabile fatta di opere e non di parole. forza berlusconi resista

    Report

    Rispondi

  • antonio1933

    23 Settembre 2009 - 08:08

    Casini ha respinto con fermezza la pesante accusa rivoltagli dal Premier e lo ha fatto nel luogo meno gradito al Cavaliere,ovvero nel salotto di Vespa,luogo consacrato ai monologhi ed alle autocelebrazioni.E c'è una verità incontrovertibile:che le uniche formazioni politiche che Berlusconi non è riuscito ad inghiottire sono La Lega e l'UDC.E,guarda caso,sono proprio e soltanto Bossi e Casini che danno le maggiori preoccupazioni,l'uno perchè orienta ogni scelta del Governo,l'altro perchè persegue tenacemente la mira di espandersi sul territorio.E perciò allo stato delle cose l'UDC si colloca a distanza siderale dal PDL,fatte salve possibili alleanze locali.Il prezzo che sta pagando Gianfranco Fini è altissimo.Casini non vuole imitarlo.

    Report

    Rispondi

  • giovannib

    22 Settembre 2009 - 09:09

    grazie ai commenti che ho letto ho capito che come al solito in questa grande Nazione ci sono i soliti poveri (in tutti i sensi) che non sanno in che Paese abitano e cercano di far cambiare idea alla grande maggioranza degli Italiani con parole e se ciò non basta usano prepotenze e magistratura politica è ora che noi cittadini onesti facciamo sentire la nostra voce e grazie a Voi di Libero e del Giornale abbiamo quel pò di volume che serve avnti siete i MIGLIORI e forza BERLUSCONI la destra è con TE

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media