Cerca

Immigrazione, lettera all'Ue

Firmano Berlusconi e Sarkozy

23 Ottobre 2009

3
Immigrazione, lettera all'Ue

Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, e il Presidente francese Nicolas Sarkozy, hanno inviato al Presidente di turno dell'Unione Europea, Fredrik Reinfeldt, e al presidente della Commissione europea, José Manuel Barroso, una lettera congiunta sul tema dell'immigrazione in vista del Consiglio Europeo del 29 e 30 ottobre prossimi. Berlusconi e Sarkozy sottolineano nella lettera che “l'immigrazione irregolare, specialmente quella nel Mediterraneo, rappresenta una sfida importante per l'Europa e che il Mediterraneo costituisce un banco di prova per la credibilità dell'azione europea”. “I due Presidenti si aspettano che a partire dal prossimo Consiglio Europeo vengano prese  decisioni concrete", dice la nota. Il Presidente del Consiglio e il Presidente francese chiedono “misure precise per il rafforzamento dell'Agenzia europea Frontex, la conclusione di un accordo europeo con la Libia che aiuti le Autorità di Tripoli a  controllare meglio i propri confini e a gestire in maniera più efficace i flussi di immigrazione irregolare che la riguardano, e più in generale un'azione europea nei confronti dei Paesi di origine, transito e destinazione dei migranti per contrastare e prevenire l'immigrazione clandestina”.

 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • olga.antonelli

    25 Ottobre 2009 - 22:10

    Sarebbe ora che nelle alte sfere dell'Europa e dell'ONU si facesse qualcosa per impedire ai paesi di provenienza dell'immigrazione selvaggia di aprire le proprie galere e di spedirci il peggio della loro umanità.

    Report

    Rispondi

  • mrjeckyll

    25 Ottobre 2009 - 22:10

    FUORI TUTTI I MUSLIM DALL'EUROPA SUBITO E COLPIRE SUBITO TEHERAN PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI !!!

    Report

    Rispondi

  • Antonio1000

    25 Ottobre 2009 - 14:02

    basta,quando è troppo è troppo TROPPI IMMIGRATI e TROPPI DELINGUENTI IMMIGRATI!!! vengono nel nostro paese (il 99% ESCLUSIVAMENTE PER DELINGUERE PERCHE' SE LO FANNO NEL LORO PAESE VENGONO PUNITI DAVVERO),qui fanno pena magistrati troppo teneri (perchè loro e le loro famiglie sono ULTRAPROTETTE)bisognerebbe dargli le SOLITE PENE DEL LORO PAESE DI ORIGINE vedrete che smetterebbero e andrebbero via anche dall'Italia,dato che "scopiazziamo" gli Stati Uniti facciamolo fino in fondo,stesse leggi per delinguenti compresa la PENA DI MORTE e stessa LIBERTA' AGLI AGENTI di POLIZIA,stesse pene per i Magistrati che sbagliano e che PAGHINO di tasca loro,NON noi per LORO!la polizia deve essere LIBERA di sparare se necessario,non possiamo dargli meno poteri dei delinguenti altrimenti cosa possono fare? NULLA!e i privati cittadini devono potersi DIFENDERE quando aggrediti senza la barzelletta di ECCESSO DI LEGITTIMA DIFESA,MA IL DELINGUENTE CHI è CHI VIENE AGGREDITO O CHI AGGREDISCE? facciamo RIDERE IL MONDO,all'estero dicono:ITALIA BENGODI DEI CRIMINALI!e specie ora che cè una crisi tremenda prima che venga fuori una guerra civile con un numero sempre crescente di disoccupati FUORI GLI EXTRACOMUNITARI !!!il lavoro per gli Italiani!

    Report

    Rispondi

media