Cerca

La Turchia islamica vuole rubarci San Nicola

Ma le spoglie del santo rimangono a Bari

2 Gennaio 2010

12
La Turchia islamica vuole rubarci San Nicola
La Turchia rivendica le spoglie di San Nicola. Ma il santo più famoso d'Italia, fosse solo perché da lui è nato il mito di Santa Klaus, e per tutta una serie di miracoli certificati dalla chiesa nel corso dei secoli, rimarrà a Bari. «Se costruiremo un museo a Demre, la prima cosa che faremo sarà quella di chiedere le spoglie di Babbo Natale» ha detto il ministro della cultura turco, Ertugul Gunay in una intervista al quotidiano Milliyet in cui però non ha fatto cenno ad alcun calendario per la costrizione di tale museo.
«Quelle reliquie devono essere esposte qui e non in una città di pirati» ha aggiunto il ministro riferendosi a Bari, che nell'anno Mille era sotto il dominio bizantino. Ed è di culto bizantino la chiesa dedicata a San Nicola eretta nel V secolo a Demre.

Pronta la replica dall'Italia.«Le reliquie di San Nicola non sono un bene culturale ma religioso, non qualcosa da visitare in un museo ma da venerare. È difficile rispondere a qualsiasi domanda poichè la richiesta è stata fatta dalla Turchia all'Italia, cioè da uno Stato all'altro e non alla chiesa cattolica, quindi al Vaticano che è depositario di quelle reliquie», ha detto padre Damiano Bova, attuale rettore della basilica di San Nicola.

Il caso- Era il 1087 quando una spedizione navale, partita da Bari alla volta della Licia, trafugò le spoglie di San Nicola, vescovo di Myra, vista l'imminente conquista turca. Oltre 900 anni sono passati da allora. Anni in cui la città di Bari ha custodito gelosamente le reliquie del Santo e ora che il ministro della Cultura turco ha annunciato 'battaglià all'Italia per ottenere la restituzione delle spoglie di San Nicola i fedeli baresi non intendono certo rinunciarvi. «Sono 900 anni che le reliquie sono state trafugate, quindi non penso proprio che sia il caso di spostarle e credo che questo sia il pensiero di tutti i fedeli»,ha detto il presidente del Comitato San Nicola Matteo Siciliano «Per Bari - aggiunge - è molto importante ospitare le reliquie del Santo». Il Comitato San Nicola da decenni mantiene vivo in città il culto del Santo e si occupa delle celebrazioni civili legate sia alla ricorrenza liturgica del 6 dicembre sia ai festeggiamenti di maggio in suo onore perchè patrono della città. E rispetto ai turchi, che rivendicano le reliquie, Siciliano non ha dubbi: « Sono musulmani, non credono nei Santi, alla stessa tomba di San Nicola, a Myra, non danno molta importanza. Certamente per loro non ha lo stesso valore che ha per noi: anche i russi, che sono ortodossi, apprezzano e ammirano noi baresi perché per tutti questi anni abbiamo conservato i resti del Santo».

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • toninopintus

    04 Gennaio 2010 - 15:03

    Provate a rileggere qualche pagina di storia e scoprirete come, per secoli, i turchi sono stati considerati i pirati più sanguinari e senza scrupoli dell'intero Mediterraneo. Cosa hanno trafugato o distrutto in secoli di scorrerie? E' un elenco impossibile da fare, così come sarebbe impossibile chiedere la restituzione di quanto hanno fatto sparire. Pensate soltanto a tutti gli oggetti liturgici preziosi asportati dalle chiese e poi fusi. E meno male che, infine, venne la battaglia di Lepanto. I fan di casa nostra, simpatizzanti dei turchi, dovrebbero accendere ceri votivi ogni giorno a San Nicola e ringraziare di non ritrovarsi a vivere tra moschee, minareti, burka e turbanti sul suolo italiano.

    Report

    Rispondi

  • pascariello

    04 Gennaio 2010 - 10:10

    L'unica cosa che da Bari possiamo inviare ai turchi è un bl "vafammocche all anime e' ci t'è murte e ci t'è stramurte "

    Report

    Rispondi

  • allengiuliano

    04 Gennaio 2010 - 09:09

    se ne vogliono fare delle spoglie di San Nicola. Forse far vedere che ottengono con le buone o le cattive quello che chiedono? La Turchia stà andando al contrario di quello che il fondatore della Turchia laica voleva. Povero popolo turco. Se non sbaglio l'islam non "adora" IMMAGINI, che gli serve il Santo che "vive" da secoli a Bari? Quei quattro rincoglioniti inturbantati barbuti non sanno più cosa fare per rendersi odiosi!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media