Cerca

Case, opere d'arte e diritti Eredità: non c'è testamento

L'artista non ha lasciato un testamento e non ha parenti stretti. Voleva costituire un ente per gestire i suoi beni, ma non ha fatto in tempo

3 Marzo 2012

3
Case, opere d'arte e diritti  Eredità: non c'è testamento

Via D’Azeglio, a Bologna, è un mare di fiori e bigliettini: tutti piangono Lucio, l’amico e l’artista. Ma dentro casa, subito dopo l’improvvisa scomparsa di Dalla, non ci sono che il suo avvocato, Eugenio D’Andrea, il manager, Bruno Sconocchia e il fiscalista. Nessuno della famiglia. Lucio aveva solo parenti lontanissimi. Così, i primi a essere raggiunti dai giornalisti (e a ricevere le condoglianze di fan e curiosi) sono i tre professionisti che, oltre a curare i suoi affari, erano diventati per lui dei veri e propri punti di riferimento.
Lucio Dalla non ha lasciato testamento, o almeno il suo entourage non se ne sa nulla. Ne è all’oscuro perfino Marco Alemanno, l’attore e vocalist che gli era più vicino di chiunque altro e che si trovava con lui, in tournée, a Montreux. Solo cose dette a voce; nessuna volontà scritta. Il cantautore non amava affrontare questo argomento, a quanto testimonia chi lo conosceva bene; ogni volta glissava.
Del resto, lo stesso Dalla, in uno speciale Rai a lui dedicato qualche anno fa, dichiarava: «A chi andrà la mia eredità? È un problema che non mi pongo, ma che riguarderà chi casomai erediterà. Non ho parenti, se Dio vuole». Diretti consanguinei, effettivamente, non ne aveva; di sicuro, però, con il suo patrimonio, Lucio Dalla avrebbe potuto favorirli.
La casa del cantautore è un museo: la sua collezione d’arte spazia da Klimt all’Ottocento napoletano. Per non parlare dei cimeli di arte antica e della sala cinematografica che si trova nell’appartamento stesso. In più, Lucio Dalla possedeva una villa con studio di registrazione annesso alle Tremiti e una residenza alle falde dell’Etna (una casa nel Pesarese è stata venduta qualche tempo fa). Ma a fare la differenza è soprattutto il colossale volume di diritti d’autore su oltre seicento canzoni:  le cifre si fanno da capogiro. Un patrimonio esorbitante e difficilmente stimabile.
L’avvocato D’Andrea racconta di aver partecipato solo una settimana fa a una riunione con Dalla e Fabio Roversi Monaco, presidente della Fondazione Carisbo. Il cantautore, a quanto sembra, cercava consigli e, magari, una collaborazione per dare vita a un ente che avrebbe dovuto, dopo la sua scomparsa, gestire i suoi beni, le canzoni e l’eredità. Dalla voleva, insomma, che chi era stato al suo fianco continuasse a lavorare sulle cose che un giorno avrebbe lasciato. Ma, purtroppo, non c’è stato il tempo di mettere in atto il progetto. La Fondazione, comunque, stando sempre a quanto spiegato da D’Andrea, non era una priorità del cantautore, che in fondo stava bene e si sentiva in forma. Subito dopo aver parlato con i giornalisti in via D’Azeglio, l’avvocato è partito alla volta di Montreux per organizzare i funerali di Bologna. Al momento, spiegano dal suo studio legale, il solo obiettivo è fare in modo che Lucio torni in Italia, a casa, tra la gente che lo amava. Tutto il resto, eredità compresa, viene dopo. Forse, qualche lontanissimo parente è già saltato fuori, ma è prematuro discuterne.
Intanto, c’è già una erede che da tempo si giova degli averi di Lucio Dalla: la sua Bologna. Il cantautore non ha aspettato di morire per mostrare l’impegno nei confronti della città. Ha finanziato il restauro di alcune opere d’arte nel complesso monumentale di Santo Stefano; era stato in prima linea nella battaglia a favore di una Casa della musica e di recente aveva scoperto un piccolo teatro, il Navile di via Marescalchi. Voleva farne un luogo di sperimentazione internazionale, ma non ha fatto in tempo.

di Giovanni Luca Montanino

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • balcazar

    04 Marzo 2012 - 18:36

    È già comparso il Mortadella in TV che con faccia contrita si fregava le mani...

    Report

    Rispondi

  • uycas

    04 Marzo 2012 - 10:27

    fino al sesto grado ereditano i parenti più prossimi. Il problema è la gestione del patrimonio culturale che lascia!

    Report

    Rispondi

  • ateo39

    03 Marzo 2012 - 19:14

    non c'è problema. Ci penserà lo stato cioè i politici a spartirsi l'eredità.

    Report

    Rispondi

Sergio Mattarella alla Prima della Scala, un curioso video da dietro le quinte

Maria Giovanna Maglie, Stasera Italia
C'è un pinocchio e un grande Mes, scopriteli su Camera con Vista
Matteo Salvini allontana i giornalisti dallo stand della Lega: "Tanto scrivono quello che vogliono"

media