Cerca

Grillo: "Politici, dei mentecatti" Così toglie voti alla sinistra

Il leader Cinque stelle avverte la casta: "Parte una piccola Norimberga. Il popolo verrà a prendervi casa per casa"

18 Aprile 2012

51
Grillo: "Politici, dei mentecatti" Così toglie voti alla sinistra

Beppe Grillo entra ufficialmente in campagna elettorale. Ieri era a Borgomanero, in provincia di Novara, per un comizio. Domani sera sarà a Monza, in piazza Roma, per presentare la sua lista. Il Movimento Cinque stelle sarà sulla scheda elettorale in 103 diversi Comuni, piccoli e grandi, da Nord a Sud. Ovunque minaccia di parare il possibile goal a porta vuota del centrosinistra, impedisce al Pd di approfittare dentro le urne del momento di difficoltà del Pdl e dell’alleanza mancata con la Lega. Ad Alessandria o a Como, per esempio. La lista-Grillo aumenta la confusione in città con troppi candidati, come a Palermo, rendendo aperto l’esito e, altrove, come in Emilia, dove il comico raccoglie moltissimi voti ex comunisti, supera il 10%, potrebbe consentire una finora improbabile vittoria del centrodestra.

In giro con il camper - Ma il «tour elettorale» del comico che sogna di fare il politico, è soltanto a metà. Partito a bordo di un camper il 9 aprile da Trani, di qui al 4 maggio, quando è prevista la chiusura ad Alessandria, altro capoluogo in bilico, avrà arringato le sue folle in 65 città. Tra un comizio e l’altro il comico scalda i suoi potenziali elettori col consueto mezzo, il blog. È lì che scrive le cose più forti, attacca ad alzo zero. Ieri, addirittura, ha minacciato un “tribunale del popolo” per tutti i politici. «Vi accuso di essere dei mentecatti, dei dilettanti, dei signor nessuno che hanno vinto il biglietto della lotteria in Parlamento, gente che solo un anno fa negava la crisi». La democrazia, si sa, non piace molto al comico genovese: «Cosa farete in futuro lo deciderà una giuria di cittadini incensurati estratti a sorte. In fondo gli italiani sono brava gente. Non preoccupatevi troppo quando vi sarà sequestrato il passaporto». E poi ha rincarato la dose: «Dobbiamo fare una piccola Norimberga - facendo riferimento ai processi ai criminali nazisti che si tennero nella città tedesca dopo la seconda guerra mondiale - al cui termine vedremo quale lavoro socialmente utile fargli fare».

Sondaggi in crescita - La strategia è chiara: antipolica, tutti uguali, tutti ladri. Niente di costruttivo, niente programma, niente ragioni per cui chiedere il voto ai cittadini. Ma a Grillo, per ora, va bene così. I sondaggi, complice il clima “consociativo” delle larghe intese, lo danno sopra il 9 per cento a livello nazionale, terzo partito dopo Pd e Pdl.  L’argine che le principali formazioni stanno cercando di mettere tra loro e lui, però, evidentemente funziona. Tanto che ieri il comico si è voluto difendere: «Ehi! Non pensate di cavarvela così. Con qualche comparsata televisiva, con Rigor Montis,  sparando frasi fatte sull’antipolitica». L’unico che salva, per evidenti ragioni tattiche, è Umberto Bossi: «Non sapeva niente dei soldi». Lo scopo chiaro: ruspare qualche voto in uscita dal Carroccio. Ieri si è preso gli strali da destra e sinistra. «Grillo è nazista, ha superato ogni limite», risponde a tono Guido Crosetto del Pdl. «Parole violente che svelano la sua vera natura», accusa Debora Serracchiani del Pd. Solo «antipolitica e qualunquismo», per Gianpiero D’Alia, Udc. Una dura presa di distanza viene anche dalla sinistra radicale. Per Vendola «l’antipolitica è la variante pericolosa della cattiva politica», Grillo uno che «attraverso le bestemmie salvifiche pensa di voler far sparire il mondo dei cattivi». L’unico che sembra capire il comico è Renzi, che ne approfitta per prendersela con Bersani: «Caro segretario, tira fuori il coraggio, convinci i colleghi a dimezzare il numero dei parlamentari». «Ci criticano, parlano di demagogia, perchè sono terrorizzati», ha rilanciato Grillo. I conti si faranno dopo il voto.

di Paolo Emilio Russo

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • luquito

    19 Aprile 2012 - 13:01

    Visto che lavori nell'ambito di internet, sai benissimo che i costi di gestione delle linee, sono in proporzione agli incassi degli operatori fornitori un'inezia, specialmente sulle linee interrate che hanno manutenzione vicine allo zero (se ben fatte).Ma esistono anche le nuove tecnologie, di cui usufruisco personalmente: il Wi-max o le nuove frequenze televisive messe all'asta e si evita il salasso-ruberia di 15 euro di fisso che telecom ci chiede mensilmente.Io personalmente pago 15 e. al mese e con il voip, telefono tutto l'anno,via internet, in tutto il mondo con 3 e. in più.Tu credi che se il comune chiedesse a questi nuovi operatori più banda per poi distribuirla ai cittadini, questi non pagherebbero meno dei miei 15e.??? No, caro lettore, non credo che allearsi con un partito maggiore aiuti il movimento, lo farebbe diventare come gli altri. Il M5S deve entrare in parlamento non per governare, ma per controllare e far conoscere al cittadino le meschinità fatte aule parlamentari

    Report

    Rispondi

  • dicocomelapenso

    19 Aprile 2012 - 11:11

    faccio presente che lavoro proprio sula rete internet quindi so di cosa parlo. Internet può aiutare moltissimo in tutto e ridurre molto la burocrazie. Senza dubbio è una cosa auspicabile la sua diffusione a basso costo a tutti i livelli. Ci sono però dei costi (non poco) e qualcuno dovrà pagarli: aumentiamo le tasse? Inoltre insisto: le modifiche alla Casta, che poco hanno a che vedere con l'ideologia politica di noi tutti, forse potrebbero essere più facilmente ed effettivamente perseguirte da un Movimento interpartitico, come fecero all'epoca i Radicali con il divorzio, che da un partito vero e proprio. Se si passa da Movimento a Partito non basta affatto dire le quattro cose che ci sono sul cosiddetto programma, bisognerebbe dare molte più indicazioni per pretendere il voto dei cittadini. Ovviamente sto parlando delle elezioni politiche, le amministrative sono un'altra cosa. Infine il problema Grillo: non abbiamo avuto abbastanza santoni? Ne vogliamo altri?

    Report

    Rispondi

  • luquito

    19 Aprile 2012 - 11:11

    Cosa fare per la disoccupazione e i lavoratori, bella domanda, ma caro lettore nemmeno Monti e Berlusconi sanno rispondere, una cosa è certa, i paesi occidentali si dovranno ridimensionare, visto che vivevamo sopra le nostre possibilità. Questo non significa che verremo distrutti dal mercato, ma che forse dovremmo ripensare al mercato, soprattutto quello interno del paese. Come? Con prodotti km zero, venduti direttamente dal produttore locale al consumatore, senza tanti passaggi inutili che aumentano il valore del prodotto del 100% ogni passaggio. Forse dovremmo ritornare nei campi a piantare ortaggi, ma almeno sapremo chi ce li ha venduti e i furbetti si auto eliminerebbero dal mercato da soli. Oggi malgrado le rintracciabilità dei prodotti non si sa mai da dove vengono e se sono contaminati. Inoltre ci sarebbe meno dipendenza energetica, meno inquinamento da trasporto e meno soldi x manutenzione spesi per l'asfalto.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media