Cerca

La morte del nigeriano Namdi

Omicidio di Fermo, Amedeo Mancini patteggia una pena a quattro anni

18 Gennaio 2017

2
Omicidio di Fermo, Amedeo Mancini patteggia una pena a quattro anni

Amedeo Mancini ha patteggiato una pena a  quattro anni per l’omicidio di Emmanuel Chidi Namdi, il nigeriano di  36 anni morto a Fermo a luglio scorso. Lo riferisce il legale di  Mancini, l’avvocato Francesco De Minicis. "È stata riconosciuta l’aggravante razziale - spiega all’Adnkronos De Minicis - è stata  considerata insussistente l’aggravante per motivi abietti e da non  applicare la recidiva. È stata riconosciuta l’attenuante della provocazione". Dalla conclusione, cioè, secondo l’avvocato di Mancini, si evince la ricostruzione di quanto accaduto: "C’è stato un insulto iniziale di Mancini, la reazione aggressiva da parte di Emmanuel, una  colluttazione che dura molto tempo e alla fine un pugno di Mancini che fa cadere Emmanuel che batte la testa e muore".

"Questa conclusione - continua il legale - conferma che  i testimoni oculari dicevano la verità". Oggi è stato anche raggiunto
un accordo con la vedova di Emmanuel: "Mancini - sottolinea il legale  - si è impegnato a versare 5mila euro per contribuire alla traslazione della salma in Nigeria, ma la vedova ha rinunciato a qualsiasi  risarcimento a fronte della rinuncia di Mancini a denunciarla per  falsa testimonianza".

La conclusione della vicenda giudiziaria, secondo l’avvocato De  Minicis, "pone fine a una campagna di odio che c’era stata in questa  città e nel paese e all’enfatizzazione della vicenda senza alcun  fondamento. Si è trattato di una brutta cosa, ma non dell’omicidio  volontario ed efferato che all’inizio sembrava".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • insorgi

    19 Gennaio 2017 - 11:11

    Sono maestri. Anche i giocatori a poker sono maestri. Insuperabili quelli con gli assi nella manica......

    Report

    Rispondi

  • Oscar1954

    18 Gennaio 2017 - 22:10

    Eh sì. LA storia è stata triste. UNA storia come ce ne sono tante. purtroppo è stata enfatizzata dai politici di sinistra per cavalcare l'onda del razzismo agli occhi della gente comune, così da poter giustificare i loro loschi affari gestiti dalle Coop rosse. I compagni sono maestri in questo.

    Report

    Rispondi

media