Cerca

Testimonianza drammatica

"Ero uscito in auto, ho visto arrivare la valanga": il sopravvissuto dell'hotel travolto

19 Gennaio 2017

0
"Ero uscito in auto, ho visto arrivare la valanga": l'unico sopravvissuto dell'hotel travolto

"Sono salvo perché ero andato a prendere una cosa in automobile". Giampiero Parete, 38 anni, residente a Montesilvano (Pescara) è uno dei due sopravvissuti dell'hotel Rigopiano di Farindola, ai piedi del Gran Sasso, travolto da una devastante slavina. Nelle stanze del resort sono rimasti la moglie e i due figlioletti dell'uomo. "È arrivata la valanga - ha riferito ai sanitari dopo essere stato tratto in salvo - sono stato sommerso dalla neve, ma sono riuscito a uscire. L'auto non è stata sepolta e quindi ho atteso lì l'arrivo dei soccorsi". L'uomo è ricoverato in Rianimazione, è cosciente e il suo quadro clinico non è preoccupante. Nell'hotel invece si teme una strage: sono quasi trenta, tra personale e ospiti, le persone ancora intrappolate tra le macerie dell'edificio, spostato di venti metri più a valle dalla forza della valanga. I soccorritori entrati nel resort parlano di "silenzio drammatico" nelle stanze invase da neve e detriti.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Vela Verde di Scampia, iniziato l'abbattimento: Napoli dice addio al simbolo di Gomorra

Michele Miglionico e le "madonne lucane": alta moda, un omaggio alle tradizioni della sua terra
Coronavirus, i medici dello Spallanzani: "Continuano a migliorare i due cinesi, italiani in ottime condizioni"
Hanau, le terribili immagini subito dopo la sparatoria: 11 morti in Germania

media