Cerca

attentato

Vittorio Feltri: "Non tutti gli islamici sono terroristi, ma tutti i terroristi sono islamici"

24 Marzo 2017

6
Vittorio Feltri: "Non tutti gli islamici sono terroristi, ma tutti i terroristi sono islamici"

"La celebrazione per i Trattati di Roma avrà un significato politico ma sembra piuttosto un funerale. Io non penso che ci siano attentati ma il pericolo non può essere azzerato". Vittorio Feltri, ospite di Myrta Merlino, a L'aria che tira su La7 commenta l'attentato a Westminster a Londra: "Difficile cercare di analizzare il problema del terrorismo quanto c'è un pazzo qualsiasi che noleggia un'auto e in pochi minuti semina il terrore e provoca una strage. Non vedo nemmeno come l'intelligenze possa prevenire atti così sconsiderati e da solitari, non c'è una organizzazione". In ogni caso, conclude il direttore di Libero, "a me risulta che tutti i terroristi siano islamici. Forse dovremmo stare attenti proprio a loro. Questo non significa che tutti gli islamici sono terroristi, ma tutti i terroristi sono islamici".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Skipper39

    31 Marzo 2017 - 13:01

    La frase sara' anche vecchia come dice uno dei commenti ma piu che mai attuale.....

    Report

    Rispondi

  • marcadabollo

    25 Marzo 2017 - 22:10

    Cecchini, ma quando ti sei fatto fare la foto ti sei spruzzato in faccia il lucida paraurti che sei bello brillante e paonazzo? Oppure sono i tó amis dal piddí a farti lusi ainsi? Tè propri bel cmè........

    Report

    Rispondi

  • brontolo1

    25 Marzo 2017 - 11:11

    la frase è vecchia!la disse anni fa un "esule"saudita!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Migranti, il premier Conte in Senato: "Accordo di Malta non risolutivo"

Tafida, la grande sfida del Gaslini: ricoverata a Genova la bimba affetta da lesione cerebrale
L'aria che tira, Luigi Di Maio travolto da Carlo Calenda: "Show ridicolo, dimissioni immediate"
Eutanasia, i radicali "cercano malati terminali" per lo spot. La rabbia di Pro Vita & Famiglia

media