Cerca

La lotta al confine

Gorizia, il sindaco Ettore Romoli finanzia 30 disoccupati con i soldi per i rifugiati politici

30 Aprile 2017

10
Gorizia, il sindaco Ettore Romoli finanzia 30 disoccupati con i soldi per i rifugiati politici

Se il governo è troppo concentrato a destinare fondi per l'accoglienza agli immigrati, devono pensarci pochi sindaci eroici a preoccuparsi degli italiani disoccupati. L'esempio più brillante è quello del primo cittadino di Gorizia, Ettore Romoli, che ha deciso di destinare i 145mila euro del Ministero dell'Interno per l'accoglienza ai richiedenti asilo per il resinserimento lavorativo dei disoccupati.

Al Tempo, il sindaco di centrodestra ha spiegato come ha ridato speranza a trenta suoi concittadini: "Si tratta di circa 112mila euro su 145mila. Abbiamo voluto utilizzarli per sostenere 30 goriziani disoccupati che effettueranno tirocini di sei mesi in Comune a 600 euro al mese".

Il comune di Gorizia ha fatto fronte finora a 350 richiedenti asilo, con non pochi disagi: "Accogliere un numero così non è semplice. All'inizio si erano accampati nei parchi comunali facendo una specie di tendopoli, poi abbiamo dovuto spendere per pulire e ripristinare i prati e le aiuole". Il sindaco assicura che non ci sono stati particolari problemi di ordine pubblico, certo è curioso che tutta quella gente arrivi da: "Austra e Germania, che li mandano via, e allora vengono tutti qua".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • germana80gmail.com

    01 Maggio 2017 - 09:09

    Bravo bravo!!!Ma quanti sono come lui?

    Report

    Rispondi

  • indignata.it

    01 Maggio 2017 - 08:08

    CE NE FOSSERO 8.000 DI SINDACI COSI',E GLI SBARCHI SI RIDURREBBERO A ZERO !!! GLI ITALIANI SARANNO COSTRETTI A LUCIDARE LE SCARPE AI CLANDESTINI, DOPO AVERGLIELE COMPRATE !!!!!

    Report

    Rispondi

  • eaglerider

    eaglerider

    30 Aprile 2017 - 20:08

    Un vero Italiano ! Basta solo questo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media