Cerca

Ordinaria violenza

Pavia, capotreno aggredito da dieci immigrati: scatta lo sciopero dei dipendenti Trenord

24 Luglio 2017

11
Pavia, capotreno aggredito  da dieci profughi, i dipendenti di Trenord scioperano per la sicurezza

Il 24 luglio i lavoratori di Trenord sciopereranno dalle 9 alle 13. Sono stati i sindacati a proclamare l'astensione dal lavoro a seguito dell'aggressione al capotreno da parte di 10 profughi che si è verificata sulla tratta Piacenza-Milano. L'oggetto dello sciopero, come riporta Il Giorno, è la sicurezza a bordo dei treni, tematica che in questi ultimi mesi ha toccato da vicino i dipendenti delle linee ferroviarie italiane a causa di diversi episodi che hanno messo in pericolo la vita dei lavoratori.

Mercoledì 19 giugno - la proverbiale goccia che ha fatto traboccare il vaso - un capotreno è stato aggredito a Garlasco, in provincia di Pavia, da un branco di dieci stranieri. L'uomo stava percorrendo il treno per controllare la validità dei biglietti dei passeggeri, quando si è imbattuto in un gruppo di richiedenti asilo che, non avendo con loro i documenti di viaggio, hanno accerchiato il dipendente di Trenord. Il capotreno è stato soccorso da una guardia giurata che viaggiava casualmente su quella tratta prima che la situazione degenerasse. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Davidebordone

    26 Luglio 2017 - 17:24

    Viva il duce! Ahahah se c era lui!

    Report

    Rispondi

  • mangiaredivino

    24 Luglio 2017 - 18:03

    A bordo degli gnu il biglietto non si paga

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    24 Luglio 2017 - 17:58

    Ma che vadano ad aggredire chi se lo merita come Gentiloni, Renzi, Boldrini e Galantino.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Sergio Mattarella alla Prima della Scala, un curioso video da dietro le quinte

Maria Giovanna Maglie, Stasera Italia
C'è un pinocchio e un grande Mes, scopriteli su Camera con Vista
Matteo Salvini allontana i giornalisti dallo stand della Lega: "Tanto scrivono quello che vogliono"

media