Cerca

Sfruttatori in doppio petto

"Vogliamo immigrati a basso costo". L'ultimo vergognoso affarone delle Coop

25 Luglio 2017

4
"Vogliamo immigrati a basso costo". Ovvero, schiavi: capito, le coop? Il loro ultimo (vergognoso) affarone

Ci mancava solo questa. C' è una cooperativa, in provincia di Treviso, che offre alle aziende del territorio l' assunzione tramite stage di «ragazzi gentili, umili, volonterosi, con un' ottima resistenza fisica, e che non avanzano alcuna pretesa dal punto di vista retributivo, professionale o di turnazione».
La coop propone contratti della durata minima di tre mesi e una paga di 400 euro ogni trenta giorni: insomma, per le ditte si tratta di un affarone. Ma chi sono questi ragazzotti pronti a tutto pur di mettere in tasca qualche soldo? Semplice: sono richiedenti asilo.
Proprio così. La stessa coop che ha in gestione gli immigrati, e che per questo introita ogni giorno un sacco di quattrini, li offre alle ditte della zona come operai specializzati in lavori pesanti di carico e scarico. Ma sì, tanto questi ragazzi volonterosi e in ottima salute (ma non scappavano dalla fame e dalla miseria?) si accontentano di pochissimo, e chissenefrega se fuori dalle agenzie interinali di Treviso c' è una coda lunga così di disoccupati italiani in cerca di uno straccio di lavoro. L' importante, evidentemente, è dare occupazione a richiedenti asilo che le aziende possono spremere come limoni.


Progetto giovani -  Il caso è venuto alla luce dopo che il sindaco di Oderzo, Maria Scardellato (eletta in una coalizione a trazione leghista), è venuta a conoscenza del documento in cui la coop offre la propria forza lavoro alle aziende. «È una cosa scandalosa», dice Scardellato.
«Queste persone sono forse qui come schiavi? È questo l' aiuto che gli stiamo dando? In questo modo distruggiamo sia loro che noi. Come si fa a proporre questi ragazzi scrivendo "ottima resistenza fisica e nessuna pretesa economica"? Ripeto: sono in Italia come schiavi?» , si chiede il sindaco del comune trevigiano.
La coop offre i richiedenti asilo come stagisti facendo leva sul progetto «Garanzia Giovani» istituito dalla Regione Veneto, che ha come obiettivo l' inserimento nel mondo del lavoro di ragazzi tra i 16 e i 29 anni entro quattro mesi dall' inizio della disoccupazione o dalla fine del ciclo di studi.

Arriva la schiavitù -  Evidentemente però, se lo stesso governatore dell' ex Serenissima, il leghista Luca Zaia, sulla propria pagina Facebook grida allo scandalo e parla di «una sorta di schiavitù» la cooperativa non deve proprio aver agito secondo le regole del progetto. Il documento che la responsabile della coop trevigiana ha inviato alle aziende del territorio comincia così: «Buongiorno, le invio questa mail per candidare alcuni dei nostri ragazzi, i più meritevoli, qualora aveste posizioni aperte come operai o addetti al carico-scarico». Più meritevoli e con un' ottima resistenza fisica, naturalmente, oltre a non avere alcuna pretesa dal punto di vista economico.

«Ma com' è possibile una cosa del genere?», sbotta al telefono l' assessore al Lavoro della Regione Veneto, Elena Donazzan (Fi). «Il progetto "Garanzia Giovani" si rivolge esclusivamente ai residenti in Veneto ed è uno strumento che abbiamo messo in campo per aiutare i nostri ragazzi in cerca di occupazione, non certo per simili iniziative. Quando ci arrivano richieste da parte di persone che abitano in altre regioni le aiutiamo indirizzandole alle sedi territoriali di competenza, stiamo facendo di tutto per garantire un futuro ai nostri ragazzi, e non lavoriamo direttamente con le coop» aggiunge.
«Mi attivo immediatamente per capire come sia stato possibile inviare una simile lettera alle aziende trevigiane e già domani mattina (stamattina per chi legge, ndr) chiederò un' ispezione per capire come lavora questa cooperativa».

di Alessandro Gonzato

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • levantino

    26 Luglio 2017 - 10:30

    Schiavitù autorizzata. Da chi? Dalle Coop che ci lucrano sopra. Se fossero imprese italiane,allora..........apriti cielo!

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    capitanuncino

    26 Luglio 2017 - 08:20

    Volete fare sparire le Coop?Basta che facciate pagare loro le tasse.Nel giro di un mese spariscono tutte.

    Report

    Rispondi

Sergio Mattarella alla Prima della Scala, un curioso video da dietro le quinte

Maria Giovanna Maglie, Stasera Italia
C'è un pinocchio e un grande Mes, scopriteli su Camera con Vista
Matteo Salvini allontana i giornalisti dallo stand della Lega: "Tanto scrivono quello che vogliono"

media