Cerca

foreign fighters

Isis, il ministero degli Interni: "I 130 italiani andati a combattere per lo Stato Islamico sono pronti a tornare"

24 Ottobre 2017

1
Isis, Ministero degli Interni: "130 gli italiani andati a combattere per lo Stato Islamico. Sono pronti a tornare"

Sono 130 i nomi di reduci del Califfato di nazionalità italiana, che hanno parenti o la residenza in Italia, profilati dal ministero degli Interni e dall'intelligence in quasi tre anni. I cosiddetti foreign fighters. La maggior parte è già nota perché sotto indagine dalle magistratura, ma una ventina sono soggetti nuovi, sui quali si sono concentrati solo di recente gli inquirenti. Il profilo tipico del miliziano dell'Isis italiano è maschio, sui 35 anni, convertito, proveniente dal Nord Italia e senza precedenti. Il grosso dei combattenti del Califfato sono stati reclutati negli hub delle regioni settentrionali, dove le reti dell'Isis sono state più attive. Lecco, Como, Erba, Bologna e Veneto.

Tra gli attenzionati ci sono anche donne e minori. Come Maria Giulia Sergio alias Fatima, indicata come ancora "attiva" insieme al marito, l'albanese Aldo Kobuzi, che nel giugno 2016 ha passato il confine tra la Siria e la Turchia. Oppure Valbona Berisha, casalinga albanese di 34 anni di Barzago, partita, all'oscuro del marito Afrimm, per la Siria a fine 2014 con il figlio Alvin di 6 anni. Ancora, Ismail David Mesinovic, 6 anni, scomparso dopo che il padre Ismar se l'è portato in Siria, all'insaputa della madre. E poi A., 10 anni, figlio di un impiegato marocchino, Ahmed Taskour, partito da Bresso nel 2014 alla volta dell'Iraq, immolato alla propaganda islamista. A. è stato infatti utilizzato in un video dell'Isis, nel quale si vede il bambino inneggiare alla Jihad e al Califfato.

Di molti di questi non si hanno più notizie da mesi. Ora rimane da capire come si comporterà il governo italiano nei confronti dei miliziani che, una volta terminata la guerra, torneranno in Italia. Ad esempio, per le donne non è facile stabilire il confine tra affiliazione allo Stato islamico e il ruolo di combattente. Inoltre potrebbero sorgere problemi per l'estradizione dei foreign fighters europei in mano alle autorità siriane, irachene e turche, circa 300 in tutto. In Iraq, per esempio, per gli atti di terrorismo vige la pena di morte, che potrebbe essere applicata senza troppi riguardi.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Reipxxx

    26 Ottobre 2017 - 10:17

    Perché tanta preoccupazione? Il terrorismo islamico non ha intenzione di colpire un paese amico com l'Italia! È soltanto grazie a noi, ai cittadini italiani che hanno votato per questo sistema dittatoriale di sinistra infame corrotto e mafioso, che migliaia di finti profughi clandestini e terroristi islamici riescono ad arrivare in Italia e quindi viaggiare liberi in Europa!

    Report

    Rispondi

Mes, Giuseppe Conte: "Non temo il confronto con il Parlamento"

Matteo Salvini sta con gli agenti penitenziari: "In un Paese normale...". Ecco il video dello "scandalo"
Nuova Zelanda, erutta il vulcano Whakaari: strage di turisti, cinque morti e molti dispersi. Le immagini choc
Sergio Mattarella alla Prima della Scala, un curioso video da dietro le quinte

media