Cerca

Trovate oltre 100 carte d'identità in bianco

Napoli, trovata stamperia clandestina con 7.500 documenti falsi: indaga l'antiterrorismo

25 Ottobre 2017

1
Napoli, trovata stamperia clandestina con 7.500 documenti falsi: indaga l'antiterrorismo

Una stamperia clandestina con migliaia di documenti falsi, molti dei quali già pronti per la consegna, è stata scoperta a Napoli. Il blitz, cui hanno partecipato numerosi agenti della Polizia municipale, ha portato all'arresto in flagrante di un cittadino ghanese. I documenti falsi - come si apprende dagli investigatori - sono ora al vaglio della sezione antiterrorismo della Procura partenopea. All'interno della stamperia, un tugurio all'ultimo piano di vico Fundaco Vicaria Vecchia, sono stati rinvenuti 7.500 documenti tra passaporti, carte d'identità, patenti di circolazione e permessi di soggiorno oltre a tutto il materiale necessario per la produzione, tra cui i timbri delle questure di Caserta, Roma e Bologna, e 3mila euro in contanti.

Tra i documenti sequestrati anche cento carte d'identità in bianco risultate rubate nel Comune di Portici e venti nel Comune di Napoli. Attaccate al muro più di trecento foto tessere presumibilmente di clienti in attesa di ricevere il documento commissionato. Diversi i documenti riferibili alla stessa persona ma con identità diverse. L'uomo - hanno accertato gli investigatori - raccoglieva le richieste la mattina all'esterno della moschea di Via Torino garantendo la consegna dei documenti già nel pomeriggio. Gli agenti l'hanno bloccato mentre usciva da casa con i documenti da consegnare. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Reipxxx

    26 Ottobre 2017 - 10:10

    Ma quale terrorismo! Il traffico e la permanenza illegale dei finti profughi clandestini in Italia oramai è un business, un industria che coinvolge, dalle ONG alle mafie, dalle coop rosse agli amministratori pubblici corrotti, dai privati cittadini alla camorra che fabbrica documenti falsi per questi animali! Ci sarebbe da indagare sui responsabili di questo disastro che sono al governo piuttosto!

    Report

    Rispondi

media