Cerca

Addio a un grande

Morto Arrigo Petacco, lo storico che scandalizzò la sinistra su Mussolini e Fascismo

3 Aprile 2018

1
Morto Arrigo Petacco, lo storico che scandalizzò la sinistra su Mussolini e Fascismo

È morto a 89 anni Arrigo Petacco, storico tra i maggiori conoscitori del Fascismo e di Benito Mussolini. Nato nel 1929 a Castelnuovo Magra, nella provincia della Spezia, è stato direttore della Nazione tra 1986 e 1987, dopo aver cominciato la sua carriera a Il Lavoro di Genova sotto la direzione di Sandro Pertini, ed ha collaborato spesso con la Rai. Ma è con la storiografia e gli studi su Ventennio e Seconda Guerra Mondiale che Petacco ha scritto la pagine più memorabili della sua carriera.

Da Il prefetto di ferro. L'uomo di Mussolini che mise in ginocchio la mafia alla Storia del fascismo in 6 volumi, da L'archivio segreto di Mussolini a L'uomo della provvidenza. Mussolini, ascesa e caduta di un mito, Petacco ha frequentato le pieghe più ambigue della storia italiana, attirandosi spesso le critiche (pretestuose) di tanta storiografia militante di sinistra. Non a caso nel 2014, anche nel tramonto di una fulgida carriera, Petacco è finito al centro delle polemiche per un suo giudizio controcorrente sul Duce. Intervistato dal blog di Beppe Grillo sull'omicidio Matteotti, lo storico ammise di non aver "mai creduto che Mussolini avesse fatto il delitto": "Mussolini nel '24 ha ottenuto il 68,8% dei voti, vi rendete conto? Altro che violenza e che minaccia! E i socialisti, il povero Matteotti era al 18-20%. A questo punto la domanda che faccio io è: voi pensate che, 10 giorni prima che aveva stravinto le elezioni politiche, il capo del governo, non ancora dittatore, per fare uccidere il capo dell'opposizione manda 4 manigoldi con una lima arrugginita?".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • claudioarmc

    04 Aprile 2018 - 07:07

    Petacco è stato uno dei pochi onesti altro che revisionista

    Report

    Rispondi

media