Fortunato

Superenalotto, due mesi di mistero: il vincitore di Lodi incassa il montepremi e scompare di nuovo

9 Ottobre 2019

Lotteria Italia, i biglietti venduti dagli Autogrill registrano vincite da record

Alla fine, la grande vincita è stata riscossa. Il vincitore del Superenalotto di Lodi, dopo 56 giorni di ritardo da quel fatidico 13 agosto e un mese prima della scadenza del ritiro della vincita, si è fatto vedere alla Tabaccheria Bar Marino ed ha riscosso quanto gli spettava, ovvero, il jackpot di 184.061.248,56 euro (da ricordare che i 25 milioni rimanenti dei 209 del montepremi, ovvero il 12 per cento del totale, vengono incassati dall'Erario per legge, dato che la vincita è stata superiore ai 500 euro). A riportarlo è il Corriere della Sera.

Eppure nel capoluogo lombardo si era cominciato a temere il peggio, come testimoniato dalla titolare dell'esercizio che ha venduto il biglietto vincente: si pensava alla perdita del biglietto, addirittura a qualche sciagura occorsa al vincitore, ma alla fine il tutto si è risolto per il meglio. I numeri vincenti della scheda, tra l'altro, erano già parecchio singolari di loro, visto che erano stati giocati attraverso il sistema automatico Quick Pick7, 32, 41, 59, 75 e 76. Insomma, le probabilità di fare 6 non erano altissime, però, nonostante questa particolarità, ciò che si domanda la maggior parte delle persone che ha seguito questa vicenda particolare è altro: perché il vincitore ha aspettato così tanto tempo prima di riscuotere il denaro? Probabilmente, non lo sapremo mai.