Cerca

celibato

Papa Francesco, il cardinale tedesco Ludwig Müller: "Sul celibato ha ragione Ratzinger, qui cade tutto"

14 Gennaio 2020

1
Celibato, parla il cardinale tedesco vicino a Ratzinger: "Qui cade tutto"

Stenta a placarsi la polemica all'interno del mondo ecclesiastico dopo il nuovo libro del papa emerito, Joseph Ratzinger, sull'indispensabilità del celibato per i sacerdoti. Il Corriere della Sera ha chiesto al cardinale tedesco Gerhard Ludwig Müller, teologo e curatore dello scritto del papa emerito, di pronunciarsi sull'argomento. Innanzitutto il cardinale chiarisce l'esistenza di un solo papa, ovvero Bergoglio, e spiega la locuzione "Papa emerito" come "forma di cortesia". Poi, riguardo le accuse di interferenza rivolte a Ratzinger, precisa: "Tutti i vescovi, anche gli emeriti, partecipano in quanto tali del magistero della Chiesa [...] Nulla di strano".

Per approfondire leggi anche: Papa Francesco e Ratzinger, la clamorosa smentita di Benedetto XVI. Sospetto in Vaticano: golpe in corso?

Entrando nel merito della questione, il cardinale tedesco sposa la tesi di Benedetto XVI e torna sullo scorso Sinodo amazzonico, che si è interrogato sulla possibilità di ordinare uomini sposati. "I vescovi amazzonici rappresentano solo una piccola parte dell' episcopato mondiale", sostiene Müller. Che poi aggiunge: "Qui ne va del sacerdozio cattolico [...] E questo è un grande pericolo per la Chiesa. Se si distrugge un principio, poi cade tutto". Infine, il cardinale tedesco accusa di opportunismo coloro che vogliono censurare l'opera di Ratzinger, definendoli "i più grandi nemici della credibilità della Chiesa".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aldoinvolo

    15 Gennaio 2020 - 10:19

    Tranquillo, tranquilli, fin tanto ci saranno pecore il lupi controlleranno. Non cade nulla.

    Report

    Rispondi

Coronavirus, l'annuncio di Attilio Fontana: a quanto sono arrivati gli infetti in Lombardia

Coronavirus, l'allarme del professore Ippolito: "È una guerra che vogliamo combattere"
Coronavirus, il "paziente zero" di Codogno e la "rapidità di propagazione sorprendente"
Mattia Santori, altro disastro dopo il bimbo autistico. "A noi sardine non interessa chi vince, ma..."

media