Cerca

Buona tavola

Chef stellati ai piedi del Taburno: tornano i pranzi di Casa Lerario

14 Gennaio 2020

0
Chef stellati ai piedi del Taburno: tornano i pranzi di Casa Lerario

A Casa Lerario (farmhouse completamente immersa nel verde a Melizzano, nel cuore del Sannio benevantano, che abbina accoglienza e proposta gastronomica di qualità) ritorna il tradizionale ciclo di pranzi del sabato con gli chef “stellati”. Dopo il primo appuntamento con “Trionfo di stelle ai piedi del Taburno” che ha visto protagonista il giovane talento Maicol Izzo, chef del ristorante Piazzetta Milù di Castellammare di Stabia che dal 2107 si fregia della stella Michelin, toccherà ad altri noti chef deliziare i palati degli ospiti: l’8 febbraio Domenico Candela del George restaurant del Grand Hotel Parker's di Napoli (1 stella Michelin), il 7 marzo Angelo Carannante del Caracol di Bacoli (1 stella Michelin) e il 4 aprile Alfio Ghezzi che, dopo aver conquistato le 2 stelle Michelin alla Locanda Margon di Ravina (Tn), ha da poco aperto due nuovi locali all’interno del Mart di Rovereto. Un successo di gusto e sapore il primo appuntamento con il ventiseienne Maicol Izzo, che annovera esperienze accanto a chef blasonati come Gennaro Esposito, Alain Ducasse, David Muñoz, Albert Adria e Mauro Colagreco. Da febbraio 2019 Izzo è tornato ai fornelli di Piazzetta Milù per completare la squadra di famiglia già composta dai fratelli Emanuele e Valerio e dai genitori Michele e Lucia. Ad accompagnare i piatti dello chef stabiese i vini dell’azienda casertana Villa Matilde Avallone, partner dell’intero ciclo di pranzi d’autore.

di Giuliana Covella

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Gregoretti, Giancarlo Giorgetti: "La maggioranza vuole il processo politico, la gente sta con Matteo Salvini"

Giorgetti contro il Pd: "Ci deridono per i comizi? Loro organizzano  solo giovanotti che cercano di impedirli"
Luigi Di Maio corregge il tiro dopo la gaffe: "Italia informata dagli Usa subito dopo il blitz a Soleimani"
Paolo Becchi sulla legge elettorale: "La Consulta può ammazzare il maggioritario e favorire l'ingovernabilità"

media