Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, "la stretta non è bastata": paura per Milano, la curva del contagio non scende

  • a
  • a
  • a

Milano in controtendenza. Dall'elaborazione statistica del numero di nuovi casi emerge che l'accelerazione sta diminuendo nelle province più colpite, tranne il capoluogo lombardo. La data di partenza, dalla quale si può iniziare a studiare l'andamento del coronavirus, è il fine settimana del 7-8 marzo. Il weekend che Giulio Gallera, assessore al Welfare della Regione Lombardia, ha definito come la causa dei picchi di infetti. In quei giorni, infatti, tutti erano liberi di muoversi senza alcuna restrizione.

 

Proprio da questo momento - spiega Il Corriere - alcune zone come il Lodigiano hanno riscontrato contagi elevati fino ad adesso, quando l'incremento dei nuovi casi è del 4 per cento. I paesi individuati come il centro del focolaio sono stati i primi ad adottare misure più rigide per l'emergenza, raccogliendo dunque i frutti delle strette attuate. A preoccupare maggiormente in questi giorni è invece Milano. Qui la corsa del Covid-19 vede un incremento del 17 per cento, contro il 22 della settimana precedente. La decelerazione è inferiore alle altre province e i decessi sono ormai incontrollabili.

Dai blog