Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, l'allarme del giudice: "Aumentano le violenze domestiche a causa della convivenza forzata"

segni inequivocabili

Francesco Fredella
  • a
  • a
  • a

Tutti a casa. In quarantena. Ma tra le mura domestiche, purtroppo, si consumano tante - troppe - violenze. “Le convivenze forzate, imposte dalle inevitabili misure adottate dal Governo al fine del contenimento e del contrasto del Covid-19, faranno aumentare le violenze domestiche e diminuire le denunce”: è questo il grido di allarme lanciato da Valerio de Gioia, Giudice della sezione specializzata per la tutela delle vittime vulnerabili del Tribunale di Roma. “Vi sono inequivocabili segnali” – prosegue il magistrato – “che inducono a ritenere che sia in atto un costante aumento delle violenze endofamiliari, sia psicologiche sia fisiche, agevolato da un obbligo di permanenza nelle abitazioni che genera o alimenta tensioni familiari che adesso è più complicato denunciare”.

 


In caso di minacce, percosse, violenze sessuali e, più in generale, maltrattamenti in famiglia è fondamentale rivolgersi alle forze dell’Ordine o, seguendo il consiglio dell’Avv. Andrea Catizone, Direttrice Dipartimento Pari Opportunità Ali Lega Autonomie, contattare il numero 1522 sempre attivo per accogliere le richieste di aiuto e assistenza da parte di coloro che subiscono violenza domestica.

Dai blog