Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, il modulo di autocertificazione cambia ancora. Ironia sul premier Conte, l'annuncio di Gabrielli

  • a
  • a
  • a

Sono passati appena tre giorni dall’ultimo modulo di autocertificazione ma, dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale di altre disposizioni firmate dal premier Giuseppe Conte, è già necessario cambiare il testo per gli spostamenti. “Sono state fatte ironie, ma cambiano le disposizioni e noi dobbiamo aggiornare il modulo”, sono state le parole di Franco Gabrielli a SkyTg24 per annunciare l’arrivo di una nuova autocertificazione. Parlando di “ironie”, il capo della polizia si riferisce a chi ha scherzato sulla frequenza con la quale cambia il modulo: “Aspettiamo direttamente il prossimo”, è uno scherzo che dilaga sul web. Ma la questione è serissima, lo sanno gli italiani e lo ribadisce Gabrielli: “La stragrande maggioranza vive con sofferenza e fastidio disposizioni che limitano le nostre libertà e i nostri movimenti, ma le rispetta. Mentre c’è un’altra parte che, o perché non ha compreso o perché non è consapevole del rischio, è sempre un po’ allergica e si comporta in modo negativo”. Gli “allergici” sono oltre 100mila, ovvero coloro i quali sono stati sanzionati con l’articolo 650 del codice penale per comportamenti non corretti.

Dai blog