Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Jesolo, tunisino ubriaco molesta i clienti di un locale. Tre italiani escono e lo massacrano: in fin di vita

Esplora:

  • a
  • a
  • a

I carabinieri hanno denunciato tre giovani per il violento pestaggio avvenuto la notte tra l'1 e il 2 luglio fuori da un bar vicino a piazza Milano a Jesolo, in provincia di Venezia. Vittima un tunisino di 38 anni, con precedenti. Verso le 3.50, ubriaco e a torso nudo, si è avvicinato al locale e ha tirato una bottiglietta di vetro contro i clienti. Il lancio è andato a vuoto, ma il gesto ha fatto scattare l'ira dei presenti e la vittima è ora ricoverata in fin di vita a Mestre.

La scena è stata immortalata con il telefonino da alcuni testimoni oculari e il video è passato nelle mani degli investigatori, che stanno ricostruendo la vicenda. Si sentono le urla del 38enne che, mentre viene massacrato, chiede di smettere. “Madonna se gliele danno”, dice una passante. Il tunisino ha continuato a essere colpito con calci alla testa e al torace anche quando era steso a terra privo di sensi. Portato d'urgenza in ospedale, è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico. Le sue condizioni cliniche sono critiche: l'accusa mossa ai tre indagati, tutti incensurati, è di lesioni gravissime in concorso, reato che potrebbe diventare più pesante se la prognosi sanitaria dovesse precipitare. Anche i denunciati hanno riportato lesioni. Uno di loro, nel parapiglia, si è provocato un trauma contusivo al ginocchio destro e alla mano sinistra, un altro delle escoriazioni al viso e il terzo una frattura a un dito della mano destra. Sul caso indagano i militari dell'Arma di San Donà di Piave. Non è escluso il coinvolgimento di altre persone. 

Dai blog