Cerca

EURO U.21: AZZURRINI PRONTI AL DEBUTTO A BOLOGNA CONTRO LA SPAGNA

15 Giugno 2019

0
EURO U.21: AZZURRINI PRONTI AL DEBUTTO A BOLOGNA CONTRO LA SPAGNA

BOLOGNA (ITALPRESS) - A quasi ventiquattro ore dal debutto nel campionato europeo Under 21 il Ct Gigi Di Biagio ha una certezza per la formazione che scendera' in campo in un Dall'Ara tutto esaurito da giorni. E' quella che riguarda il portiere. Tra i pali, infatti, ci sara' Alex Meret. Lo ha annunciato il mister incontrando i giornalisti alla vigilia della partita. "Oggi facciamo l'ultimo allenamento. Ho un paio di dubbi e mi rimarranno fino a domani", ha spiegato Di Biagio. La formazione, dunque, la conosceremo solo poco prima del fischio d'inizio. "Il ruolo del portiere non e' come gli altri - ha spiegato Di Biagio - ma non mi sento di dire che non verra' mai cambiato". "L'obiettivo - ha aggiunto il mister - e' cercare di fare la gara, attaccare e fare gol conservando l'equilibrio giusto per non dare molte chance agli avversari". La Spagna e' un'avversaria temibile, ma "vista la formula del torneo questa non e' la prima gara del torneo, e' un sedicesimo perche' ogni partita diventa decisiva", ha spiegato il mister degli azzurrini. Brucia ancora la sconfitta contro le Furie Rosse nella semifinale del 2017, quando una tripletta di Saúl Ñíguez permise alla Spagna di vincere 3-1 a Cracovia, col gol della bandiera degli italiani messa a segno da Federico Bernardeschi. "Quella semifinale la perdemmo in dieci. La speranza e' che riusciremo a giocare contro di loro 11 contro 11 e di competere alla grande. Magari sara' la volta buona che li battiamo", ha concluso Di Biagio. (ITALPRESS). gm/red 15-Giu-19 18:34

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Migranti, il premier Conte in Senato: "Accordo di Malta non risolutivo"

Tafida, la grande sfida del Gaslini: ricoverata a Genova la bimba affetta da lesione cerebrale
L'aria che tira, Luigi Di Maio travolto da Carlo Calenda: "Show ridicolo, dimissioni immediate"
Eutanasia, i radicali "cercano malati terminali" per lo spot. La rabbia di Pro Vita & Famiglia

media