Cerca

GLI AZZURRI DELLA CANOA VELOCITA' A CACCIA DEL SOGNO OLIMPICO

20 Agosto 2019

0
GLI AZZURRI DELLA CANOA VELOCITA' A CACCIA DEL SOGNO OLIMPICO

ROMA (ITALPRESS) - Dal 21 al 25 agosto si terra' a Szeged, in Ungheria, il piu' importate Campionato del Mondo del quadriennio olimpico di canoa velocita' e Paracanoa. La Nazionale italiana scendera' in acqua per inseguire il sogno iridato e conquistare la qualificazione per i Giochi Olimpici di Tokyo 2020. In Ungheria scenderanno in acqua 1000 atleti in rappresentanza di cento nazioni, mentre sono 20 gli azzurri della canoa velocita' convocati del Direttore Tecnico Oreste Perri che saranno chiamati a sfidarsi contro i migliori atleti del mondo. Manfredi Rizza (Aeronautica Militare), sesto alle Olimpiadi di Rio 2016, e' la punta di diamante sui velocissimi 200 metri del kayak monoposto (K1). Il pavese in questa stagione ha conquistato la medaglia oro in coppa del mondo nel K2 200 metri con Andrea Domenico Di Liberto. Il palermitano (S.C. Trinacria) fara' parte invece dell'equipaggio che affrontera' la sfida del K4 500 metri, nuova distanza olimpica, con Alessandro Gnecchi (CS Carabinieri), Mauro Pra Floriani (Fiamme Oro) e Nicola Ripamonti (Fiamme Gialle). "E' arrivato finalmente il momento per il quale abbiamo lavorato duramente un anno intero" spiega il direttore tecnico Oreste Perri. "Il nostro obiettivo sono le qualificazioni olimpiche e arriviamo a questo appuntamento consapevoli di aver lavorato bene. Il reparto della canoa canadese e' un crescita e continua a marciare con determinazione, forte anche di un importante lavoro portato avanti in questi anni. Anche i kayak sono cresciuti molto sia dal punto di vista tecnico che della consapevolezza". (ITALPRESS). tvi/gm/com 20-Ago-19 13:50

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

"Non è normale che sia normale”, la campagna di sensibilizzazione della Carfagna è già diventata una canzone

Donald Tusk: "La Lega nel Ppe? Ho molta immaginazione ma ci sono dei limiti"
Mes, Matteo Salvini smaschera il patto: "Salvare le banche, sì. Quelle tedesche e francesi"
Giuseppe Conte e il "sovranismo da operetta". Cosa diceva qualche mese fa

media