Cerca

FNOMCEO "SUPERARE BLOCCO TURNOVER MEDICI, PROBLEMA E' LA FORMAZIONE"

22 Agosto 2019

0
FNOMCEO "SUPERARE BLOCCO TURNOVER MEDICI, PROBLEMA E' LA FORMAZIONE"

RIMINI (ITALPRESS) - "L'Italia e' al secondo posto per l'aspettativa di vita, ma dobbiamo valutare qual e' la qualita' di vita delle ultime due decadi e considerare che anche la classe di sanitari e medici che cura queste persone che e' tra le piu' vecchie d'Europa". Cosi' Giovanni Leoni, vice presidente Fnomceo, la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, nel corso di un convegno al 40mo Meeting di Rimini. La colpa e' del "blocco del turn over a livello professionale - spiega Leoni - Ci sono sono 18mila laureati che concorrono per 8.500 posti per completare il percorso di studio. Con gli interventi messi in campo quest'anno abbiamo pareggiato tra il numero di laureati e il numero che puo' accedere alle scuole di specializzazione e la formazione di medici di medicina generale, ma ne rimangono fuori 10mila che devono essere sistemati. La problematica - spiega - e' quindi completare il loro percorso di studio. Serve un piano Marshal con 2.000 borse in piu' ogni anno per ridurre il gap in 5-7 anni, altrimenti avremo un'ulteriore fuga che gia' adesso rappresenta il 15% dei nostri laureati che all'estero trovano anche stipendi il doppio piu' alti". Leoni poi smentisce un luogo comune: "La carenza dei medici e' tutta artificiale. Il problema e' avere una formazione adeguata. Pero' la problematica della carenza di specialisti va risolta adesso per essere pronti nei prossimi anni". (ITALPRESS). fc/ads/red 22-Ago-19 20:27

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Santori, dopo il bimbo autistico altro disastro: "Alle sardine non interesse chi vince, ma..." 

Matteo Salvini, droga in Parlamento: "Gli ho guardato gli occhi, secondo me...". Ovazione in piazza
Vela Verde di Scampia, iniziato l'abbattimento: Napoli dice addio al simbolo di Gomorra
Matteo Renzi assente in aula, non vota la fiducia al governo sul decreto intercettazioni

media