Cerca

CORRUZIONE, ITALIA AL 51^ POSTO NELLA CLASSIFICA DI TRANSPARENCY

23 Gennaio 2020

0
CORRUZIONE, ITALIA AL 51^ POSTO NELLA CLASSIFICA DI TRANSPARENCY

MILANO (ITALPRESS) - L'Indice di percezione della corruzione 2019 (CPI) pubblicato da Transparency International, vede l'Italia al 51° posto nel mondo con un punteggio di 53 punti su 100, migliore di un punto rispetto all'anno precedente. L'Italia pur segnando un lieve miglioramento, rallenta la sua scalata alla classifica globale della corruzione. Il nostro Paese guadagna ben 12 punti dal 2012 a oggi, ma l'ultimo anno segna una decisa frenata rispetto ai precedenti. Dominano la classifica Danimarca e Nuova Zelanda come gia' l'anno scorso. Stesso discorso per il fondo del ranking, dove troviamo ancora Somalia e Sud Sudan. In particolare, come dimostrano i recenti fatti di cronaca, da Foggia alle Madonie, da Reggio Calabria a Reggio Emilia, la criminalita' organizzata - osserva Transparency International - ancora spadroneggia nel nostro Paese, preferendo spesso l'arma della corruzione che oggi ha assunto forme nuove, sempre piu' difficili da identificare e contrastare efficacemente. Altra questione rilevante - sottolinea - e' la regolamentazione del lobbying e dei conflitti di interesse: non e' certo un buon esempio di trasparenza la recente abolizione degli obblighi di comunicazione dei redditi e dei patrimoni dei dirigenti pubblici attuata dall'ultima legge finanziaria. Transparency menziona per importanza anche il tema degli appalti pubblici, oggetto di attenzione di funzionari e imprenditori corrotti. (ITALPRESS). ads/com 23-Gen-20 09:19

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Santori, dopo il bimbo autistico altro disastro: "Alle sardine non interesse chi vince, ma..." 

Matteo Salvini, droga in Parlamento: "Gli ho guardato gli occhi, secondo me...". Ovazione in piazza
Vela Verde di Scampia, iniziato l'abbattimento: Napoli dice addio al simbolo di Gomorra
Matteo Renzi assente in aula, non vota la fiducia al governo sul decreto intercettazioni

media