Cerca

Arriva la danese e movimenta come al solito i grandi del mondo

11 Gennaio 2015

1
Arriva la danese e movimenta come al solito i grandi del mondo

Erano in tanti i capi di Stato a sfilare a Parigi domenica 11 gennaio per difendere la libertà. Non tutti: non si può dire che il mondo è sfilato lì, visto che mancavano i capi di Cina, India, Russia e America. L’assenza di Barak Obama però si può capire: a Parigi era presente il premier danese Helle Thorning-Schmidt, che come in altre occasioni simili ha movimentato al solito la riunione.La bella danese ha catalizzato questa volta l’attenzione dei flash inciampando sulle scale dell’Eliseo da cui stava scendendo montando il consueto tacco 12. E’ ruzzolata a terra, e poco hanno potuto le guardie del corpo: l’hanno poi aiutata a rialzarsi. L’ultima volta che era venuta a Parigi il premier danese mentre usciva dall’auto per salutare Francois Hollande, aveva perso scarpa e tacco rischiando lo stesso capitombolo. Al memorial per Nelson Mandela che aveva riunito quella volta sì tutti i grandi del mondo, la Thorning-Schmidt ha movimentato la commemorazione scattandosi selfie con Obama e flirtando con il presidente Usa in modo così smaccato da scatenare gelosia e ira della legittima consorte, Michelle.

Continua a leggere su L'imbeccata di Franco Bechis

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • francori2012

    12 Gennaio 2015 - 19:07

    Alla bella Danese conviene abbassare i tacchi.Non dovrebbe perderci molto.Sicuramente eviterebbe di cadere come una pera cotta. Francori2012

    Report

    Rispondi

media